le notizie che fanno testo, dal 2010

Via Crucis al Colosseo: meditazioni dei giovani del Libano

Attesa per stasera la Via Crucis al Colosseo (orario 21:15), con le meditazioni condotte dai giovani del Libano, come chiesto da Benedetto XVI per esprimere le ansie e le attese dei popoli del Medio Oriente. Subito dopo, le parole e la benedizione di Papa Francesco.

Attesa per stasera la Via Crucis al Colosseo. Come sempre, la diretta della Via Crucis sarà trasmessa su Rai 1, mentre in streaming sarà possibile vedere l'intera celebrazione su Rai Tv, sulla Tv di Radio Vaticana e su Tv2000, a partire dalle ore 21:05 (inizio alle ore 21:15). Quella di questa sera sarà la Via Crucis dell'Anno della Fede, e rappresenterà un ponte tra il Papato di Benedetto XVI e quello di Francesco. Quest'anno, infatti, a dar voce alle meditazioni della Via Crucis al Colosseo sono i giovani del Libano, sotto la guida del patriarca di Antiochia dei maroniti, il cardinale Béchara Boutros Raï. A chiedere ai giovani libanesi di condurre le meditatzioni della Via Crucis al Colosseo era stato Benedetto XVI, che ha chiesto loro di esprimere le ansie e le attese dei popoli del Medio Oriente. Come sottolinea Radio Vaticana, nel corso della Via Crucis al Colosseo tutto il mondo e "la cristianità conoscerà le ingiustizie, le divisioni fra cristiani, il fondamentalismo e la violenza che dilaniano i popoli mediorientali, ma anche le sofferenze e i mali dell'intera umanità". Proprio ieri il Presidente della Caritas Libano, padre Simon Faddoul, lanciava un ulteriore allarme su AsiaNews: "La condizione dei rifugiati è terribile e sta peggiorando sempre di più: ormai si è perso il conto delle persone che attraversano il confine". Secondo i dati ONU, sarebbero più di un milione. "La comunità internazionale invii aiuti alla popolazione siriana in fuga dalla guerra, invece di spedire armi" insiste padre Simon Faddoul, evitando di commentare ulteriormente la recente decisione della Lega Araba di armare i ribelli del Free Syrian Army. Al termine della Via Crucis, come sempre ci sarà il discorso di Papa Francesco e la benedizione apostolica. Lo stretto legame tra Papa Francesco e Benedetto XVI è rimarcato non solo dal fatto che il Pontefice ricorda, ogni volta che è possibile, l'opera del suo Predecessore, ma anche da un sincero affetto. Dopo la storica visita a Castel Gandolfo, dove per la prima volta da secoli si sono incontrati due Pontefici, Papa Francesco ha sentito nuovamente per telefono Benedetto XVI. A riferirlo è padre Federico Lombardi che spiega come ieri, dopo la celebrazione della Messa del Crisma, Papa Francesco ha chiamato Benedetto XVI ed "ha fatto una lunga e intensa telefonata con il senso della comunione, dopo il momento della grande celebrazione comunitaria di tutti i sacerdoti - aggiungendo - E' stata una telefonata molto, molto bella, intensa e significativa".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: