le notizie che fanno testo, dal 2010

Rifondazione Comunista: riforma Senato priva di contrappesi. Si torna al ventennio fascista

La controriforma del Senato è un attacco alla Costituzione nata dalla Resistenza. Occorre tornare al ventennio fascista per trovare una così grande concentrazione di potere priva degli opportuni contrappesi" denunciano in una nota Paolo Ferrero e Giovanni Russo Spena di Rifondazione Comunista, commentando l'approvazione in senato del ddl Boschi.

"La controriforma del Senato è un attacco alla Costituzione nata dalla Resistenza. Pone nelle mani del segretario del partito che vincerà la lotteria del ballottaggio alla Camera dei Deputati un potere che nessuna autorità politica ha avuto nella storia della Repubblica italiana. Occorre tornare al ventennio fascista per trovare una così grande concentrazione di potere priva degli opportuni contrappesi" denunciano in una nota Paolo Ferrero e Giovanni Russo Spena di Rifondazione Comunista, commentando l'approvazione a Palazzo Madama del ddl Boschi sulle riforme costituzionali.
"Non si tratta solo di un'architettura oligarchica ma di un sistema politico che incide negativamente sui temi del lavoro, della scuola, dello stato sociale, come è già oggi evidente. - proseguono i due esponenti di Rifondazione Comunista - Insieme a tutte le forze che si coordineranno per la difesa della Costituzione costruiremo comitati per il NO al 'referendum confermativo' su tutto il territorio nazionale".
Ferrero e Russo Spena osservano infine: "La responsabilità di questo disastro è non solo di Matteo Renzi ma dell'intero PD, - concludendo - all'interno del quale gli esponenti che erano apparsi più sensibili alla difesa della democrazia costituzionale, hanno ceduto ad un compromesso assolutamente negativo ed inefficace".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: