le notizie che fanno testo, dal 2010

USA vogliono Edward Snowden, ma estradizione potrebbe richiedere anni

Gli Stati Uniti accusato Edward Snowden anche sulla base dell'Espionage Act, di aver rubato proprietà del governo e di aver rivelato volontariamente e senza autorizzazione informazioni di difesa nazionale e materiale classificato dell'intelligence. Gli USA potrebbero avviare una procedura di estradizione, ma Hong Kong e la Cina potrebbero porre il loro veto, visto che i programmi di sorveglianza telefonica ed internet PRISM e Tempora frugano anche nella vita dei cittadini dell'area asiatica.

Edward Snowden, che ha svelato il programma PRISM della NSA statunitense e il progetto Tempora del GCHQ inglese, ha dichiarato che è disposto a sacrificare la sua libertà perché non può, in coscienza, "consentire al governo degli Stati Uniti di distruggere la privacy, la libertà di internet e le libertà di base delle persone in tutto il mondo con questa enorme macchina di sorveglianza che si sta segretamente costruendo". Forte dell'appoggio che Barack Obama ha dato al programma PRISM, il governo USA ha quindi deciso, senza mettere in discussione l'etica del suo sistema di spionaggio internazionale (per la sicurezza mondiale, ovviamente), di accusare Edward Snowden, anche sulla base dell'Espionage Act, di aver rubato proprietà del governo e di aver rivelato volontariamente e senza autorizzazione informazioni di difesa nazionale e materiale classificato dell'intelligence. E' immaginabile, quindi, che gli Stati Uniti vogliano avviare contro Edward Snowden una procedura di estradizione, visto che ora l'ex agente CIA è nascosto da qualche parte ad Hong Kong. Una procedura, però, che potrebbe richiedere anni, visto che le autorità di Hong Kong hanno già chiesto alla Cina di intervenire nel caso e quindi bloccare ogni richiesta da parte degli Stati Uniti. Sembra inoltre che Edward Snowden abbia già preso contatti con diversi avvocati che si occupano di diritti umani, prevedendo l'avvio di una azione legale da parte degli Stati Uniti. Al The Guardian, Hectar Pun, un avvocato con esperienza in diritti umani, ha spiegato che il procedimento di estradizione potrebbe durare anche dai tre ai cinque anni. Edward Snowden, naturalmente, potrebbe chiedere asilo politico ad Hong Kong. Ma non solo. Anche se alla fine un tribunale di Hong Kong ammettesse la richiesta di estradizione da parte degli Stati Uniti, lo stesso paese e la Cina potrebbero porre il loro veto per motivi di sicurezza o di difesa nazionale, visto che i programmi di sorveglianza telefonica ed internet PRISM e Tempora frugano anche nella vita dei cittadini dell'area asiatica.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: