le notizie che fanno testo, dal 2010

PRISM: Francia convoca "immediatamente" ambasciatore USA

Se gli Stati Uniti spiano La Francia o altri paesi dell'Europa "ciò è del tutto inaccettabile" afferma il ministro degli Interni francese Manuel Valls dopo le rivelazioni di Le Monde, che svelano come il programma PRISM della NSA intercetta registra in larga scala le comunicazioni telefoniche dei cittadini francesi. Il ministro degli Esteri della Francia, quindi, convoca "immediatamente" l'ambasciatore degli USA per avere spiegazioni.

In seguito alle rivelazioni di Le Monde, che svela come PRISM, il programma di sorveglianza della NSA (National Security Agency), intercetta e registra in larga scala le comunicazioni telefoniche dei cittadini della Francia, il ministro degli Esteri francesi Laurent Fabius ha annunciato oggi la convocazione "immediata" dell'ambasciatore degli USA presso il Quai d'Orsay di Parigi. "Queste pratiche di intercettazione tra Stati alleati che minano la privacy sono del tutto inaccettabili" afferma Fabius, aggiungendo: "Abbiamo bisogno di garanzie rapide affinché ciò non succeda più in futuro". Dopo le prime rivelazioni su PRISM da parte di Edward Snowden nel mese di giugno, l'ufficio del procuratore di Parigi aveva immediatamente aperto un'inchiesta preliminare, anche se Laurent Fabius oggi sottolinea come la Francia debba "approfondire" maggiormente tale situazione, ritenuta "scioccante" per il ministro degli Interni francese Manuel Valls, che auspica "chiare spiegazioni da parte delle autorità statunitensi nelle prossime ore". "Con l'avvento delle nuove tecnologie di comunicazione è ovviamente necessario dotarsi di norme adeguate, che interessino tutti i Paesi" ha precisato Valls, chiarendo che se "un alleato spia la Francia o altri paesi europei, ciò è del tutto inaccettabile".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: