le notizie che fanno testo, dal 2010

Puppato a Padoan: con nuovo calcolo del PIL trovare fondi per Quota 96

La senatrice del PD Laura Puppato ricorda che le risorse necessarie per garantire di andare in pensione ai quoya 96 del comparto scuola ammontano solo "a 400 milioni di euro, distribuibili su più annualità". Per questo, la Puppato con altri parlamentari chiede a Pier Carlo Padoan "di utilizzare parte dei proventi del ricalcolo dei PIL secondo il modello Sec2010 per risolvere senza ulteriori rinvii l'annosa vicenda della Quota 96".

"Utilizzare i proventi del nuovo metodo internazionale di calcolo del PIL per correggere immediatamente l'errore della cosiddetta Quota 96, ovvero la situazione di 4.000 lavoratori della scuola nati tra il 1951 e il 1952 che, per effetto della legge Fornero, hanno subito l'allungamento della permanenza al lavoro di un periodo tra i 2 e i 7 anni" propone la senatrice del PD Laura Puppato che, come si legge in una nota, sulla questione ha presentato un'interrogazione parlamentare rivolta al ministro dell'Economia insieme ai colleghi Giorgio Pagliari, Water Tocci, Donatella Albano, Josefa Idem, Sergio Lo Giudice, Silvana Amati, Roberto Ruta, Stefania Pezzopane, Maria Spilabotte (PD), Franco Conte (Ncd), Ivana Simeoni (M5S), Fabrizio Bocchino, Fabiola Anitori e Francesco Campanella, Luis Alberto Orellana (Misto). Laura Puppato ricorda: "La riforma delle pensioni varata dal 'governo tecnico' contiene un 'errore tecnico' ammesso dallo stesso estensore della riforma. I lavoratori nati nel 1951 e 1952 sono stati esclusi dal diritto di andare in pensione nonostante avessero maturato i requisiti nel dicembre 2012 e sono stati obbligati di fatto ad un'ulteriore permanenza in servizio per un periodo che va dai 2 ai 7 anni. - sottolineando - Sulla questione (dei quota 96, ndr) hanno assunto più volte posizione sia il governo che numerosi parlamentari, con l’impegno di arrivare ad un rapida soluzione che a tutt'oggi non è ancora pervenuta". La senatrice del PD precisa però che "le risorse necessarie per garantire questo diritto ammontano a 400 milioni di euro, distribuibili su più annualità" e per questo la Puppato e gli altri parlamentari che hanno presentato l'interrogazione parlamentare chiedono a Pier Carlo Padoan "di utilizzare parte dei proventi del ricalcolo dei PIL secondo il modello Sec2010, che implicherà un miglioramento del rapporto deficit/PIL di 0,2 punti percentuali, passando dall'attuale 3% al 2,8%, per risolvere senza ulteriori rinvii l'annosa vicenda della Quota 96".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: