le notizie che fanno testo, dal 2010

Vaccari (PD): dal vertice smog buone notizie, primi effetti dopo Cop21

"Dal vertice odierno, tenutosi presso la sede del Ministero dell'Ambiente, sono arrivate buone notizie. Un pacchetto che, davvero, tratteggia i contorni di un piano nazionale per il risanamento dell'aria", spiega in un comunicato il parlamentare dem Stefano Vaccari.

"Dal vertice odierno, tenutosi presso la sede del Ministero dell'Ambiente, sono arrivate buone notizie. Il ministro ha concordato con i rappresentanti di Regioni e città un pacchetto di azioni con obiettivi suddivisi tra misure a breve termine, in caso di emergenze, e provvedimenti a lungo termine. Un pacchetto che, davvero, tratteggia i contorni di un piano nazionale per il risanamento dell'aria che è, poi, quello che è sempre mancato al nostro Paese. Situazione che ha causato, a più riprese, l'avvio di procedure di infrazione da parte dell'Unione europea. Con il vertice odierno, cominciamo a registrare i primi effetti positivi, a livello nazionale, dopo l'accordo internazionale di Parigi. E' aumentata la consapevolezza che occorre fare qualcosa e che farlo insieme, in maniera coordinata tra le diverse istituzioni coinvolte, è prassi ormai irrinunciabile" sottolinea Stefano Vaccari in una nota.
"Tra i provvedimenti di più ampio respiro ci sono misure relative al trasporto pubblico locale e, più in generale, alla mobilità sostenibile che si ricollegano direttamente a quanto abbiamo disposto con il collegato ambientale che, lo ricordo, stanzia su questo fronte ben 35 milioni di euro. - prosegue il senatore PD - Bene anche la decisione di puntare sulla rottamazione del parco auto più inquinante, anche se, penso, su questo fronte occorra riprendere con più decisione le misure di incentivo ai mezzi elettrici privati e pubblici. Bene anche le misure che puntano a limitare le emissioni degli impianti di riscaldamento degli edifici pubblici e di quelli privati, ma anche su questo fronte occorrerà pensare a una misura strutturale che preveda incentivi per sostituire le tecnologie più obsolete e inquinanti in favore di caldaie per condomini e appartamenti singoli moderne e a basse emissioni di polveri sottili e per l'installazione di filtri anti-particolato sui vecchi camini".
"Per la prima volta, però - e questo è un risultato non scontato - usciamo dall'emergenza gestita dalle singole amministrazioni in favore di un approccio coordinato e condiviso al problema" osserva infine Vaccari.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: