le notizie che fanno testo, dal 2010

Sereni (PD): UE vigili per gestione responsabile vittoria elettorale in Turchia

"La schiacciante vittoria del partito di Erdogan arriva dopo una campagna elettorale drammatica, segnata da violenze e da una stretta senza precedenti sulla libertà di stampa", dal PD la posizione di Marina Sereni.

"La schiacciante vittoria del partito di Recep Tayyip Erdogan arriva dopo una campagna elettorale drammatica, segnata da violenze e da una stretta senza precedenti sulla libertà di stampa" sostiene la vicepresidente della Camera Marina Sereni, commentando i risultati delle elezioni in Turchia. "Il risultato è anche in gran parte figlio di questo clima, di una propaganda governativa che ha cercato di identificare l'opposizione con i rischi di instabilità e con la minaccia terroristica. - prosegue la deputata del PD - Ora si apre una fase oggettivamente molto delicata poiché, se da un lato l'Akp potrà senza problemi dare vita ad un governo stabile, dall'altro è prevedibile che Erdogan non rinuncerà a cercare i numeri per una modifica costituzionale dai risvolti preoccupanti sotto il profilo democratico".
Sereni sottolinea quindi: "La lotta contro Daesh (Stato Islamico, ndr), la necessità di ricercare assetti più stabili e pacifici in questa area del mondo, l'emergenza dei profughi che fuggono dalla guerra e dal terrore tutto questo richiede il coinvolgimento dei principali attori regionali inclusa ovviamente la Turchia. - precisando però - Al tempo stesso i paesi occidentali, e l'Europa in particolare, non possono restare indifferenti di fronte all'evoluzione della situazione politica in Turchia".
"Proprio perché questo Paese è un alleato indispensabile nella lotta al terrorismo in Siria e in Iraq, abbiamo il diritto-dovere di vigilare sul rispetto dei fondamentali diritti democratici e di spingere Erdogan e il suo partito verso una gestione responsabile della vittoria elettorale" conclude l'esponente dem.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: