le notizie che fanno testo, dal 2010

Riforma giustizia, Ferranti (PD): tempi certi per il processo, nessun ostacolo indagini

"Tempi certi per l'esercizio dell'azione penale. Nessuno tocca la durata delle indagini, che rimane quella attualmente prevista dal codice", spiega in un comunicato la parlamentare del PD Donatella Ferranti sulle norme alla riforma della giustizia.

"Tempi certi per l'esercizio dell'azione penale: il rinvio a giudizio o l'archiviazione dovranno essere chiesti entro 3 mesi dalla scadenza di tutti gli avvisi e notifiche di conclusa indagine. Con però due importanti eccezioni: se si tratta di casi complessi il termine potrà essere prorogato di altri 3 mesi dal procuratore generale della corte d'appello. Se poi si tratta di delitti di mafia e terrorismo, il termine sale automaticamente a 12 mesi" riferisce in una nota Donatella Ferranti, deputata del PD, commentando le norme approvate nella riforma della giustizia penale.
"Nessuno tocca la durata delle indagini, - viene quindi precisato - che rimane quella attualmente prevista dal codice, abbiamo semplicemente fissato un termine per definire le inchieste, senza sacrificare l'attività espletata. In altre parole, una volta concluse le indagini e scaduti tutti i termini di notifica alle parti, la richiesta di rinvio a giudizio o archiviazione deve essere formalizzata in tempi prevedibili e certi. non è che le indagini, in caso di mancato rispetto di tali tempi, finiranno al macero, ma saranno avocate dal procuratore generale che deciderà se chiedere il rinvio a giudizio o l'archiviazione.
"Non può in alcun modo ostacolare le indagini, ma va piuttosto nella direzione di una ragionevole durata del processo e può contribuire ad evitare la tagliola della prescrizione. - conclude l'esponente dem - Continueranno a svolgere le indagini esattamente come oggi. Si applicherà solo alle notizie di reato iscritte dopo l'entrata in vigore della riforma. Approveremo anche un ordine del giorno diretto a impegnare il governo a risolvere le questioni del personale e delle risorse nelle procure più oberate".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: