le notizie che fanno testo, dal 2010

Riforma giustizia, Ermini (PD): termine per azione penale non intacca durata indagini

Approvata alla Camera la nuova norma, nell'ambito della riforma della giustizia penale, sui termini per il rinvio a giudizio o l'archiviazione e David Ermini, responsabile Giustizia del PD, risponde alle critiche delle opposizioni assicurando che questa "non c'entra nulla con la durata delle indagini".

Approvata alla Camera la nuova norma, nell'ambito della riforma della giustizia penale, sui termini per il rinvio a giudizio o l'archiviazione e David Ermini, responsabile Giustizia del PD, risponde alle critiche delle opposizioni assicurando che questa "non c'entra nulla con la durata delle indagini, che resta assolutamente invariata, ma punta piuttosto ad assicurare certezza dei tempi del processo a garanzia degli indagati e delle vittime del reato. - aggiungendo - Abbiamo peraltro previsto due importanti eccezioni: se si tratta di casi complessi il termine potrà essere prorogato di altri 3 mesi dal procuratore generale della Corte d'appello, per i delitti di mafia e terrorismo, invece, il termine sale automaticamente a 12 mesi".
"Fissare un termine per la formalizzazione delle inchieste è un passo di civiltà giuridica. - sottolinea ancora Ermini - Non è affatto una norma contro i magistrati perché nessuno, tanto meno il PD, intende impedire o intralciare in alcun modo le indagini, ma garantire a chi è imputato di sapere in tempi congrui quale sarà la sua sorte processuale è francamente sacrosanto. E' nell'interesse delle parti offese e delle vittime del reato, perché allontana il rischio che l'eventuale processo finisca poi in un nulla di fatto a causa della prescrizione."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: