le notizie che fanno testo, dal 2010

Riforma Senato, Pollastrini (PD): correggere un testo confuso

"Il traguardo va raggiunto e presto. Sarebbe imperdonabile non riuscire a fare una buona riforma. Oggi ritengo che la questione essenziale sia quella di correggere un testo confuso che non premia la democrazia decidente e penalizza la democrazia rappresentativa", così in un comunicato Pollastrini, esponente dem.

"Il traguardo va raggiunto e presto. Sarebbe imperdonabile non riuscire a fare una buona riforma. Il PD - riferisce in una nota Barbara Pollastrini -, proprio per il suo pluralismo, può riuscire dove altri si sono fermati. Questa è la volontà del gruppo di lavoro istituzionale, dove ognuno esprime le proprie opinioni. Ma questo impegno non esaurisce un confronto politico più largo nei gruppi del PD e con altri interlocutori politici. Oggi ritengo che la questione essenziale sia quella di correggere un testo confuso che non premia la democrazia decidente e penalizza la democrazia rappresentativa. Per quanto mi riguarda avrei preferito un nuovo Senato più simile al Bundesrat. E ritengo persino scontata l'obbligatorietà, che non esiste oggi, della presenza dei presidenti delle regioni, dei sindaci delle cittaà metropolitane e il superamento della Conferenza Stato - Regioni. La riforma costituzionale è parte di un trittico - legge elettorale, Titolo V e superamento del bicameralismo perfetto - che nel suo intreccio disegna un nuovo assetto dello Stato e della democrazia. Ecco perché dobbiamo lavorare per trovare soluzioni avanzate e condivise."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: