le notizie che fanno testo, dal 2010

Relazione Padoan su Grecia, Guerrieri (PD): proseguire sforzi per accordo sostenibile

"La relazione del ministro Padoan è una fotografia accurata che ci fa capire come la Grecia sia sull'orlo del precipizio e come sia rimasto poco tempo per arrivare a un accordo sostenibile", così in una nota Paolo Guerrieri dal Partito Democratico.

"La relazione del ministro Pier Carlo Padoan è una fotografia accurata che ci fa capire come la Grecia sia sull'orlo del precipizio e come sia rimasto poco tempo per arrivare a un accordo sostenibile" dichiara il senatore del PD Paolo Guerrieri.
"Fin dall'inizio la direzione lungo la quale si è mosso il governo è stata verso questo risultato. Un fallimento del negoziato avrebbe costi e ricadute drammatiche per la Grecia ma, è inutile illudersi del contrario, anche per il resto dell'Europa. Oggi abbiamo strumenti di intervento rafforzati, ma se la Grecia abbandonerà l'euro, i mercati daranno un prezzo al rischio di uscita di un Paese e i costi di finanziamento dei Paesi periferici più esposti cresceranno inevitabilmente, per non dire di scenari peggiori con un ritorno alle speculazioni sugli spread, rischio tanto più reale quanto più si profila la minaccia d'esplosione di una bolla speculativa in Asia" si legge ancora nel comunicato dell'esponente dem, intervenuto nel dibattito sull'informativa del ministro dell'Economia sulla situazione in Grecia.
Guerrieri prosegue: "Con l'uscita della Grecia verrebbe minata l'idea fondante dell'integrazione dell'Unione. L'Europa infatti non può essere solo l'Europa dei forti, un'Europa darwiniana, ma deve riuscire ad integrare le economie periferiche a rischio, perché solo così si può tornare ad assicurare quella prosperità e stabilità che ha garantito in passato. La crisi greca deve pertanto offrire l'occasione per una riforma più generale della governance dell'Ue che ci possa assicurare che crisi di questo genere non si debbano più affrontare in futuro."
"L'opzione migliore dunque è quella di uscire non dall'euro ma dalle politiche condotte finora. Va rinnovata profondamente anche l'Unione, spostando luoghi di decisione dal Consiglio europeo alle istituzioni comunitarie. Occorre poi accelerare nel processo di integrazione, perché l'Europa ha bisogno del nostro Paese ma il nostro Paese ha bisogno dell'Europa. È molto difficile, certo, ma, visto il populismo che oggi si è udito nel corso del dibattito, è sicuramente l'opzione da preferire a tutte le altre" viene sottolineato in ultimo.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: