le notizie che fanno testo, dal 2010

Penati assolto nel processo "Sistema Sesto". Stop sospensione da PD?

Filippo Penati e gli altri dieci imputati sono stati assolti in primo grado perché "il fatto non sussite" dai giudici di Monza nel processo per il cosiddetto "Sistema Sesto". Con questa sentenza il PD dovrebbe quindi revocare la sospensione di Penati, escluso dal partito e dall'elenco degli iscritti all'epoca delle indagini. Prescritto per via della legge Severino il reato più grave, quello della presunta corruzione per riqualificazione delle aree ex Falck di Sesto San Giovanni.

Filippo Penati e gli altri dieci imputati, tra cui la società Codelfa, sono stati assolti in primo grado perché "il fatto non sussite" dai giudici di Monza nel processo per il cosiddetto "Sistema Sesto". Le accuse erano, a vario titolo, di corruzione e finanziamento illecito dei partiti. Il reato più grave, quello della presunta corruzione per riqualificazione delle aree ex Falck di Sesto San Giovanni, era già caduto in prescrizione per via della legge Severino (anche se all'inizio Penati aveva dichiarato che avrebbe rinunciato alla prescrizione). "Con questa sentenza si è messa fine ad un'ingiustizia durata quattro anni e mezzo" ha commentato Penati, ex presidente della Provincia di Milano ed ex sindaco di Sesto San Giovanni. "Esce pulita la mia immagine di amministratore ed è stata restituita la mia onorabilità" sottolinea quindi Penati, e a stretto giro arriva anche il cinguettio di Pier Luigi Bersani che assicura di non aver "mai dubitato" dell'innocenza del suo braccio destro, sottolineando però: "Ma quanto sono lunghi quattro anni?". "Aspettiamo le motivazioni e valuteremo se fare appello. Il tribunale non ha voluto valutare i fatti del 'Sistema Sesto' nel suo complesso" dichiara invece il pm Franca Macchia titolare dell'accusa, ricordando che la prescrizione del reato relativo alle presunte maxi-tangenti in cambio di permessi edilizi in aree ex Falck ha reso il processo più difficile da portare avanti. A questo punto, quindi, Filippo Penati dovrebbe essere reintegrato nel PD. All'epoca delle indagini, infatti, Penati oltre ad essere stato escluso dall'elenco degli iscritti era stato sospeso dal PD ma la commissione di Garanzia del Partito democratico, allora presieduta da Luigi Berlinguer, aveva precisato che era un "atto temporaneo" che sarebbe rimasto in vigore solo "fino al completo chiarimento della situazione giudiziaria". Difficile però pensare che il PD aspetti una sentenza della Cassazione per revocare la sospensione di Penati, anche perché al processo per il "Sistema Sesto" non si era presentato come parte civile.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: