le notizie che fanno testo, dal 2010

Parente (PD): cala disoccupzione, Italia cresce. No, è più inattiva

"Il tasso di disoccupazione di ottobre scende all'11.5% ed è il dato più basso da dicembre 2012. L'Istat ancora una volta segna un orientamento positivo che certifica come l'Italia sia tornata a crescere", dal Partito Democratico una nota di Annamaria Parente.

"Il tasso di disoccupazione di ottobre scende all'11.5% ed è il dato più basso da dicembre 2012" osserva in un comunicato Annamaria Parente, senatrice del PD, aggiungendo: "Solo l'anno scorso era al 13%. L'Istat ancora una volta segna un orientamento positivo che certifica come l'Italia sia tornata a crescere. Le riforme messe in campo dal Governo, penso innanzitutto al Jobs Act, sono state determinanti e iniziamo già a vedere i primi frutti". L'esponente dem non sottolinea però che l'Istat certifica anche che il numero degli occupati diminuisce (nonostante il Jobs Act) mentre cresce quello degli inattivi. Il tasso di disoccupazione è infatti solo il rapporto fra i disoccupati e il totale della forza lavoro (cioè occupati più disoccupati). Il calo della disoccupazione non si traduce quindi in nuovi occupati ma in nuovi inattivi.
La parlamentare assicura però che "la nuova Agenzia nazionale per le politiche attive del Lavoro (Anpal), che sarà operativa nei primi mesi del 2016, favorirà ulteriormente l'inserimento lavorativo delle fasce deboli del Paese".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: