le notizie che fanno testo, dal 2010

PD: governo si rivolga a Consob e Antitrust per valutare danni di Raggi ad Acea

"Quali siano le valutazioni del governo sulla vicenda Raggi-Acea, quali iniziative intenda l'esecutivo adottare per tutelare gli azionisti di una delle principali multitutility italiane quotate in Borsa e se non ritenga opportuno un intervento di Consob e dell'Autorithy per la concorrenza per valutare i danni causati dalla candidata del MoVimento 5 Stelle all'Acea", domandano i senatori del PD in una interrogazione.

"Quali siano le valutazioni del governo sulla vicenda Raggi-Acea, quali iniziative intenda l'esecutivo adottare per tutelare gli azionisti di una delle principali multitutility italiane quotate in Borsa e se non ritenga opportuno un intervento di Consob e dell'Autorithy per la concorrenza per valutare i danni causati dalla candidata del MoVimento 5 Stelle all'Acea, ai cittadini romani e al tessuto produttivo della Capitale" chiedono i senatori del PD ai ministri dell'Economia Pier Carlo Padoan e dello Sviluppo economico Federica Guidi, con un'interrogazione di cui è primo firmatario il senatore dem di Roma Raffaele Ranucci.
"Il 20 marzo scorso - si riassume - nel corso di una di un'intervista su una tv nazionale, la candidata del MoVimento 5 Stelle a sindaco di Roma Virginia Raggi ha anticipato la volontà del suo movimento politico di cambiare il management di Acea spa in caso di vittoria elettorale e ha esposto una lettura tecnicamente superficiale ed errata, sia del programma che del bilancio aziendale della società. A causa di queste dichiarazioni dell'esponente grillina, la Banca di investimento Equita ha declassato il livello di affidabilità del rating di Acea da 'buy' a 'hold' e ha eliminato il titolo dal portafoglio delle 'small cap', motivando il suo giudizio con il rischio costituito dalle prossime elezioni, visto che il Comune di Roma è azionista di maggioranza di Acea SpA. A questo è seguita una perdita per il titolo dell'azienda, in sole 48 ore, del 4,73%, pari a circa 142 milioni di euro."
"Considerando che questa campagna elettorale deve essere considerata da tutte le forze politiche un'opportunità straordinaria per indicare ai romani una prospettiva di sviluppo e di rilancio economico della Capitale e che preoccupa l'incompetenza di certe dichiarazioni, fatte a scopo propagandistico, è necessario conoscere e valutare quali siano, in concreto, i possibili e ulteriori effetti negativi che si possono produrre a danno di Acea Spa e dei cittadini romani. - proseguono i parlamentari - E' per questo che chiediamo al governo quali siano le sue valutazioni sulla vicenda e quali ulteriori informazioni disponga rispetto a quelle diffuse dagli organi di stampa."
Si osserva in ultimo: "Vogliamo inoltre sapere quali iniziative il governo intenda adottare al fine di tutelare gli azionisti di Acea Spa e se non ritenga opportuno un intervento di Consob, per garantire che le dinamiche di mercato non risentano di iniziative propagandistiche in danno dell'azienda stessa, e dell'Autorità garante della concorrenza e dei mercati perché siano valutati eventuali profili che restringano o alterino la concorrenza tra imprese e danneggino i consumatori e in particolare i cittadini romani."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: