le notizie che fanno testo, dal 2010

PD, Tomaselli: Versalis rimane in Italia, stabilimento Brindisi strategico

"Ferrari ha confermato che la cessione di una quota della società è un'operazione industriale, non finanziaria, e che pertanto Eni è alla ricerca di un partner interessato a consolidare la prospettiva industriale della azienda e a farla crescere, considerato che ad oggi Versalis è appena al 67° posto a livello internazionale tra i gruppi che operano nel settore della chimica", dal Partito Democratico la posizione di Salvatore Tomaselli.

"Ferrari ha confermato che la cessione di una quota della società è un'operazione industriale, non finanziaria, e che pertanto Eni è alla ricerca di un partner interessato a consolidare la prospettiva industriale della azienda e a farla crescere, considerato che ad oggi Versalis è appena al 67° posto a livello internazionale tra i gruppi che operano nel settore della chimica" spiega il senatore del PD Salvatore Tomaselli in una nota.
"Si prospetta una holding internazionale in cui il partner, pur avendo valenza finanziaria, abbia già in portafoglio altre aziende chimiche e abbia quindi anche valenza industriale. Versalis inoltre ha confermato che le condizioni per l'accordo sono una presenza percentuale significativa di Eni che rimane nella joint venture, l'italianità dell'azienda che continuerebbe ad avere 'la testa in Italia', la garanzia dell'attuale occupazione e del miliardo e 200 milioni circa di investimenti già programmati, da realizzare nel prossimo triennio, così come l'impegno a confermare gli investimenti già avviati nel settore della chimica verde. Per quanto riguarda Brindisi l'Ad di Versalis Ferrari ha affermato che si tratta di uno stabilimento di eccellenza e se non sono programmati investimenti ulteriori è perché vuole dire che si tratta di un impianto privo di criticità. Ha assicurato, inoltre, che rimane uno stabilimento strategico e che Versalis intende continuare a mantenerlo tale; e infine che, se ci saranno opportunità per aggiungere processi e nuove tecnologie, di certo lo faranno" precisa quindi l'esponente dem.
"Queste affermazioni di Versalis dimostrano un impegno serio. - assicura infine - In particolare, siamo confortati dalla espressa volontà di scegliere una partnership di carattere industriale volta al di potenziamento dell'azienda e quindi dalla certezza che non si tratta di una operazione meramente finanziaria di chi vuole 'fare cassa'. Mi preme sottolineare che, ad ogni modo, continueremo questo lavoro di verifica, tanto che nei prossimi giorni sentiremo i sindacati, Confindustria, la stessa Eni ed il Ministero allo Sviluppo economico".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: