le notizie che fanno testo, dal 2010

PD, Peluffo: Grillo vuole espellere Rai dalle case degli italiani

"Con la campagna contro la Rai, Grillo crede di poter trattare la tv di Stato come un qualunque suo parlamentare dissidente: non potendola controllare, la espelle. Quando si tratta di Rai i grillini sono più confusi del solito", spiega in una nota Vinicio Peluffo, esponente PD.

"Con la campagna contro la Rai, Beppe Grillo crede di poter trattare la tv di Stato come un qualunque suo parlamentare dissidente: non potendola controllare, la espelle. Quando si tratta di Rai i grillini sono più confusi del solito" afferma Vinicio Peluffo, deputato del PD, aggiungendo: "In campagna elettorale, volevano privatizzarla. Appena insediati in Vigilanza Rai, occuparla o legittimare i monologhi di alcuni loro esponenti. Poi applicare le loro cervellotiche ricette sul Cda. Poi stilare le black list per stabilire gli interlocutori televisivi graditi o meno. Poi, quando si è trattato di stornare l'attenzione dal guaio di Quarto, hanno cominciato a offendere il servizio pubblico, bollandolo come fascista, e ripetuto la stessa delirante assurdità oggi, nelle ore che precedono la Giornata della Memoria".
"Per finire la mossa della disperazione: - prosegue l'esponente dem - non potendo influenzarla come fosse il suo blog, Grillo cerca di far sì che venga spenta, di espellerla dalle case degli italiani. E' evidente che le confuse giravolte di Grillo sulla Rai tradiscono solo un obiettivo: occuparla o usarla per le necessità tattiche del momento. E questo non ci stupisce".
"Stupisce invece che - conclude il parlamentare - di fronte ad attacchi tanto ripetuti e sgangherati, l'unica cosa che il presidente della Commissione Vigilanza Rai Roberto Fico sa fare, è accodarsi al suo capo e ripeterne le accuse. Fico si decida: vuol fare il presidente della Vigilanza o l'attivista di M5S?".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: