le notizie che fanno testo, dal 2010

PD, Marino: su dlgs bail-in servono correttivi come richiesto da Consob

"La norma contenuta nello schema di decreto legislativo che recepisce la direttiva BRRD, che prevede l'obbligo di differire la diffusione al pubblico della notizia relativa alla procedura di risoluzione, contrasta con la direttiva comunitaria sugli abusi di mercato, che impone la diffusione al pubblico senza indugio di qualsiasi informazione price sensitive", dal Partito Democratico la posizione di Mauro Marino.

"La norma contenuta nello schema di decreto legislativo che recepisce la direttiva Brrd (Bank recovery and resolution directive, ndr), che prevede l'obbligo di differire la diffusione al pubblico della notizia relativa alla procedura di risoluzione, contrasta con la direttiva comunitaria sugli abusi di mercato, che impone la diffusione al pubblico senza indugio di qualsiasi informazione price sensitive" osserva in una nota Mauro Maria Marino, presidente della Commissione Finanze e tesoro, commentando le dichiarazioni del presidente della Consob audito questa mattina.
"Concordo con le criticità rilevate anche con riferimento alla norma che prevede che in caso di cessione di beni e rapporti giuridici di un intermediario in crisi non si applichino gli obblighi di comunicazione riguardanti le partecipazioni rilevanti in società quotate, in contrasto con la normativa comunitaria sulla trasparenza. - prosegue - Sarà mia cura recepire tali osservazioni nell'estensione del parere, affinché vengano riformulati i due commi nella stesura definitiva del decreto legislativo". La direttiva Brrd è quella del cosidetto bail-in, cioè in caso di difficoltà di una banca paga anche il correntista per le somme depositate eccedenti ai 100mila euro. Fino a 100mila euro c'è infatti la garanzia dal fondo di tutela dei depositi interbancari.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: