le notizie che fanno testo, dal 2010

PD, Maran: in Siria serve diplomazia non truppe di terra

"Mandare un significativo contingente di truppe di terra a combattere lo Stato Islamico non farebbe che ripetere quel che giustamente Obama considera l'errore dell'invasione dell'Iraq nel 2003, senza risolvere il problema che abbiamo di fronte", così in un comunicato Alessandro Maran, politico del PD .

"L'ascesa dell'Islam radicale, l'invasione dell'Iraq e le sue caotiche conseguenze, il risveglio delle primavere arabe, le repressioni sanguinose, un calo sostenuto del prezzo del petrolio ed ora il successo del negoziato con l'Iran, tutto ciò ha aperto quella che potrebbe rivelarsi una nuova tormentata era per tutti quelli che vi sono coinvolti" avverte Alessandro Maran, vicepresidente della Commissione Esteri.
"Il nostro interesse è quello di eliminare, o contenere, - precisa quindi il senatore PD - i due pericoli che stanno diventando metastasi: l'ISIS, la cui crescita minaccia la regione e ora le nostre città, e la tragedia dei rifugiati siriani che stanno inondando il Libano e la Giordania e che, di questo passo, possono destabilizzare l'Unione europea".
"Dopo il terribile attacco terroristico a Parigi quel che davvero farà la differenza, oltre naturalmente agli sforzi per bloccare la capacità di finanziarsi dello Stato Islamico, le sue linee di rifornimento ed i rinforzi e rendergli più difficile conservare il controllo del territorio, sarà solo la soluzione diplomatica della guerra civile siriana. - conclude l'esponente dem - Mandare un significativo contingente di truppe di terra a combattere lo Stato Islamico (in Siria, ndr) non farebbe che ripetere quel che giustamente Obama considera l'errore dell'invasione dell'Iraq nel 2003, senza risolvere il problema che abbiamo di fronte."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: