le notizie che fanno testo, dal 2010

PD, Damiano: ok licenziamento fannulloni, siano sospesi se colti in flagranza

"Il Consiglio dei Ministri dovrebbe varare domani alcune misure disciplinari che riguardano i dipendenti pubblici. Confermiamo di essere favorevoli al licenziamento di coloro che, dopo aver timbrato la presenza, si assentano dal lavoro", dal PD una dichiarazione di Cesare Damiano.

"Il Consiglio dei Ministri dovrebbe varare domani alcune misure disciplinari che riguardano i dipendenti pubblici. Confermiamo di essere favorevoli al licenziamento di coloro che - osserva il deputato PD Cesare Damiano -, dopo aver timbrato la presenza, si assentano dal lavoro."
"Ribadiamo però che la legge già esiste ( il Decreto 150 del 2009, voluto dall'allora ministro Brunetta ) e prevede esplicitamente il licenziamento: non si tratta, quindi, di scriverne un'altra, ma di correggere le procedure che non hanno funzionato. - precisa l'esponente dem - Ci permettiamo di suggerire al Governo due interventi: il primo, è quello di obbligare il dirigente a denunciare il lavoratore che commette l'abuso ( rafforzando l'attuale normativa della sospensione di 3 mesi ), ma sollevandolo da responsabilità erariali nel caso di reintegra del dipendente da parte del giudice."
"Il secondo è di prevedere la sospensione tempestiva del lavoratore colto in flagranza di reato ( si tratta di una misura cautelare e non disciplinare ), e di prevedere un periodo di 'moratoria' di almeno 5 giorni ( come prevede l'articolo 7 dello Statuto dei lavoratori ) trascorso il quale si può procedere con la sanzione. - conclude Damiano - In questo modo si consente al lavoratore di esercitare il proprio inalienabile diritto alla difesa e si evita di incappare nella contestazione e nella decadenza del provvedimento".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: