le notizie che fanno testo, dal 2010

PD, Caleo-Vaccaro: no a pedaggio autostradale per mezzi volontari soccorso

La società Autostrade per l'Italia ha dato disdetta ad Anpas ed alla Confederazione delle Misericordie d'Italia dell'accordo esistente dal 1999 per la fornitura di telepass esenti in comodato d'uso gratuito" denunciano i senatori del PD Massimo Caleo e Guglielmo Vaccaro, e chiedono al governo "un intervento tempestivo affinché i veicoli del soccorso volontario possano tornare ad essere esenti dal pedaggio autostradale".

L'Associazione nazionale pubbliche assistenze ha indetto per giovedì 3 aprile 2014, davanti Montecitorio, l'iniziativa di protesta "Fermi tutti", dopo che "la società Autostrade per l'Italia "ha dato disdetta ad Anpas ed alla Confederazione delle Misericordie d'Italia, che svolgono sul territorio nazionale oltre il 70 per cento del trasporto sanitario, dell'accordo esistente dal 1999 per la fornitura di telepass esenti in comodato d'uso gratuito" come spiegano in una nota i due senatori del PD Massimo Caleo e Guglielmo Vaccaro che annunciano la loro presenza alla manifestazione. I senatori democratici hanno inoltre presentato un'interrogazione ai ministri dei Trasporti Maurizio Lupi e della Salute Beatrice Lorenzin, e chiedono: "I veicoli di soccorso delle associazioni di volontariato devono ancora godere dell'esenzione dal pedaggio autostradale". Caleo e Vaccaro ricordano che prima della disdetta "il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha incontrato a più riprese ambedue le organizzazioni, assicurando un intervento normativo per arrivare ad una più chiara definizione dei veicoli 'adibiti al soccorso', che secondo la normativa vigente sarebbero esentati dal pagamento del pedaggio nell'espletamento del relativo servizio". I senatori dem auspicano quindi "un intervento tempestivo di entrambi i ministeri competenti affinché i veicoli del soccorso volontario possano tornare ad essere esenti dal pedaggio, in modo che un servizio indispensabile ai cittadini come il trasporto interregionale di malati e assistiti possa ancora essere prestato".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: