le notizie che fanno testo, dal 2010

Oliverio (PD): rivedere politiche in settore grano e produzione pane e pasta

"Occorre urgentemente rivedere tutte le politiche nel settore del grano e in quello della produzione del pane. È ormai insostenibile il fatto che dal grano al pane i prezzi aumentino del 1450%!", spiega in un comunicato Nicodemo Oliverio, esponente PD.

"Occorre urgentemente rivedere tutte le politiche nel settore del grano e in quello della produzione del pane" avverte Nicodemo Oliverio, capogruppo PD in Commissione Agricoltura, spiegando: "È ormai insostenibile il fatto che dal grano al pane i prezzi aumentino del 1450%! Ed è del tutto ingiustificabile che il grano venga pagato lo stesso prezzo di trent'anni fa, benché il nostro grano sia di gran lunga di migliore qualità rispetto a quello di tutti gli altri paesi produttori".
"È anche necessario attivare strumenti che impediscano l'importazione di grano straniero destinato a produrre pane e pasta senza un'etichetta chiara sulla reale provenienza del grano stesso. - prosegue il deputato - È, altresì, preoccupante il fatto che l'Italia nel 2015 abbia importato -secondo i dati Coldiretti - circa 4,8 milioni di tonnellate di frumento tenero, che coprono quasi la metà del fabbisogno essenzialmente per la produzione di pane e biscotti".
"L'Italia non si può più permettere l'importazione dall'estero di circa il 40% per cento del fabbisogno per la pasta. - chiarisce quindi il parlamentare - Le scelte politiche e commerciali del passato hanno prodotto errori molto gravi che oggi paghiamo caramente. Basti pensare che è fatto con grano straniero un pacco di pasta su tre e circa la metà del pane in vendita in Italia. Gravissimo il fatto che i consumatori non lo sapranno mai, perché non è obbligatorio indicare la provenienza in etichetta".
"Su questi temi - conclude Oliviero - credo siano necessario innanzitutto rivedere con urgenza la politica cerealicola del nostro paese, mettendo in campo un concreto piano d'interventi e adottare adeguati e efficaci provvedimenti normativi."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: