le notizie che fanno testo, dal 2010

Medio Oriente, Bordo (PD): UE scongiuri nuova Intifada con 'arma' diplomazia

"L'Europa deve scongiurare il rischio che si scateni una nuova e sanguinosa Intifada in Medio Oriente. Per questo spero che la riunione tra Stati Uniti, ONU, Russia e UE, prevista per il 23 ottobre prossimo a Vienna, segni un nuovo avvio dei negoziati di pace", dal PD un comunicato di Michele Bordo.

"L'Europa deve scongiurare il rischio che si scateni una nuova e sanguinosa Intifada in Medio Oriente. Per questo spero che la riunione tra Stati Uniti, ONU, Russia e UE, prevista per il 23 ottobre prossimo a Vienna, segni un nuovo avvio dei negoziati di pace" auspica il deputato PD Michele Bordo in un comunicato, aggiungendo: "Non si può rimanere inermi di fronte al riesplodere della violenza, in particolare a Gerusalemme e nella Striscia di Gaza, e non si possono accettare né i proclami e la chiamata alle armi di Hamas, né un certo revisionismo storico, da parte israeliana, decisamente fuori luogo".
Il presidente della Commissione per le Politiche UE della Camera quindi conclude: "E' necessario disinnescare quanto prima la spirale di violenza, e il caos che ne conseguirebbe, ricorrendo a solidi accordi diplomatici, le uniche 'armi' in grado di assicurare una pace duratura, e non a patti effimeri che si dissolvono nell'arco di qualche mese. - e chiude - L'Italia, dal canto suo, persegue con convinzione la soluzione di due popoli e due Stati e continuerà a lavorare in tale prospettiva."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: