le notizie che fanno testo, dal 2010

Marantelli (PD): governo non sacrifica frontalieri per favorire banche

"L'accusa della Lega a Renzi e al governo di voler sacrificare i frontalieri per favorire le banche è tanto grottesca quanto infondata. L'accordo italo-svizzero per il rientro dei capitali è un fatto storico e costituisce un passo avanti decisivo per contrastare attività illegali", così in una nota Daniele Marantelli, rappresentante del Partito Democratico.

"L'accusa della Lega Nord a Matteo Renzi e al governo di voler sacrificare i frontalieri per favorire le banche è tanto grottesca quanto infondata. L'accordo italo-svizzero per il rientro dei capitali è un fatto storico e costituisce un passo avanti decisivo per contrastare attività illegali. Si tratta, prima di tutto, di un concreto strumento di lotta contro la criminalità, la mafia e il terrorismo" assicura in una nota Daniele Marantelli, componente dell'ufficio di presidenza del gruppo PD alla Camera.
"Ora si tratta di risolvere i problemi che riguardano il fisco, il ristorno per i Comuni di confine, la tassazione riguardante la sanità, le discriminazioni nei confronti degli artigiani italiani, consapevoli di quanto siano importanti i rapporti sociali, culturali e ambientali fra Italia e Svizzera, e considerato che l'interscambio tra i due paesi supera i 30 miliardi di euro. - spiega il deputato - L'accordo deve essere ancora definito e poi ratificato dal Parlamento".
"L'allarmismo lanciato dalla Lega è, pertanto, ingiustificato. - chiarisce il parlamentare - Il PD ha sempre seguito in questi anni i problemi dei frontalieri, anche quando la Lega al governo troncò le relazioni diplomatiche con la Svizzera, innescando intollerabili campagne xenofobe organizzate dai suoi amici d'oltreconfine contro i nostri frontalieri".
"Noi difendiamo i lavoratori, parlando lo stesso linguaggio a Roma, a Milano, a Varese come a Lugano. La Lega, invece, difende i frontalieri in Lombardia, ma non muove un dito per evitare che i loro alleati che governano il Canton Ticino colpiscano i diritti dei lavoratori italiani, dipendenti e artigiani, con decisioni discriminatorie in contrasto con gli accordi di libera circolazione delle persone" accusa l'esponente dem.
"La mozione del PD, al contrario, impegna il governo italiano ad agire su quello svizzero, affinché tali decisioni siano concretamente modificate come condizione per poter ratificare l'accordo in Parlamento. - prosegue - La verità è che la Lega ha deciso di strumentalizzare i frontalieri come un clava da usare in campagna elettorale. Oppure i leghisti sono convinti che, mantenendo gli accordi del 1974, in futuro i frontalieri italiani saranno più tutelati e garantiti?".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: