le notizie che fanno testo, dal 2010

Italicum solo per Camera. Renzi: Senato senza legge elettorale è secondario

Forza Italia accetta di stralciare dalla legge elettorale l'articolo 2 che disciplina l'elezione del Senato. Soddisfazione dal PD, in primis con Matteo Renzi che da Tunisi sottolinea: "Il fatto che il Senato non abbia una norma elettorale quando abbiamo deciso di superarlo mi pare secondario. I cittadini devono sapere che andremo a votare solo per la Camera". Roberto Speranza aggiunge: "Approvando l'Italicum solo per la Camera, ci vincola a fare la riforma del Senato"

Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, dà il proprio via libera a stralciare dalla legge elettorale l'articolo 2 che disciplina l'elezione del Senato. Da Tunisi, il premier Matteo Renzi esprime apprezzamento per la decisione presa dal Cavaliere, sottolineando: "Mi pare che sia un importante passo in avanti quello di oggi, - aggiungendo - è importante che si arrivi a un modello in cui ci sia un vincitore certo, che è garantito dall'Italicum". Renzi quindi spiega: "Il fatto che il Senato non abbia una norma elettorale quando abbiamo deciso di superarlo mi pare secondario, i cittadini devono sapere che andremo a votare solo per la Camera". "Al momento l'accordo regge sia con la maggioranza sia con Forza Italia e questo dà più forza al fatto che le riforme possano arrivare in porto" afferma invece il presidente dei deputati PD, Roberto Speranza, chiarendo: "Approvando l'Italicum solo per la Camera, ci vincola a fare la riforma del Senato. Un risultato straordinario che spiana la strada per avere finalmente le riforme che attendiamo da anni in tempi rapidi". Anche il capogruppo del PD in commissione Affari costituzionali, Emanuele Fiano, è concorde nel ritenere che "con l'approvazione della legge solo per la Camera si salvaguarda il principio di legare questo passaggio con certezza all'abolizione del Senato, senza introdurre dubbi e differimenti sull'entrata in vigore della legge. - concludendo - Questa settimana sono certo che la Camera concluderà il voto sulla legge elettorale e produrrà il primo significativo passo avanti nella stagione delle riforme che il Paese ci chiede".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: