le notizie che fanno testo, dal 2010

Italicum bocciata parità di genere, Sereni: triste pagina per il Parlamento

Per il vice presidente della Camera Marina Sereni (PD) la bocciatura degli emendamenti alla legge elettorale, l'Italicum, sulla genere sono stati rappresenta una "triste pagina per il Parlamento" che impone "qualche riflessione sul voto", che è stato segreto.

"Democrazia paritaria ed equilibrio della rappresentanza tra i generi: qualche riflessione sul voto degli emendamenti si impone" sottolinea in una nota Marina Sereni, vice presidente della Camera, commentando "la bocciatura dell'alternanza uomo-donna nei collegi plurinominali e dell'obbligo di parità nella scelta dei capilista per ciascuna circoscrizione" che per la deputata del PD "lascia l'amaro in bocca perché dimostra lo scarto tra il dibattito che si è sviluppato dentro e fuori l'Aula parlamentare e l'opinione contraria che, nel segreto del voto, molti parlamentari hanno deciso di esprimere. - aggiungendo - Segno evidente di una lotta politica non trasparente, di una autodifesa di chi oggi è preponderante numericamente nella politica e nelle istituzioni e teme di perdere posizioni se la partecipazione femminile aumenta anche grazie a norme di attuazione di quanto l'art. 51 della Costituzione prevede". La parlamentare del Partito Democratico esterna poi tutta la sua "delusione e la rabbia per la bocciatura dell'emendamento sulla norma antidiscriminatoria secondo cui nessuno dei due generi avrebbe potuto esprimere più del 60% dei capilista per ciascuna circoscrizione" perché "non era la democrazia paritaria, ma una mediazione che avrebbe comunque consentito al sistema politico di fare un passo avanti significativo in una direzione di civiltà". Marina Sereni quindi conclude che la legge elettorale, l'Italicum, "è un compromesso" che ha "condiviso pur non essendo la migliore delle leggi possibili", e riflette: "E' già stata modificata in alcuni punti, in meglio, e qualcosa si potrà e si dovrà ancora fare. Ma certo questi voti sulla parità di genere sono stati un colpo su un nodo che credo non dovrebbero essere di una sola parte. - concludendo - Una triste pagina per il Parlamento".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: