le notizie che fanno testo, dal 2010

Giorno della Memoria, Martella (PD): per dire no a steccati nel cuore dell'UE

"Viviamo mesi in cui le sirene di chi vorrebbe chiudere frontiere, rimettere in piedi muri e ricreare steccati nel cuore dell'Europa, si fanno sempre più assordanti", riflette in un comunicato Andrea Martella, deputato dem.

"Viviamo mesi in cui le sirene di chi vorrebbe chiudere frontiere, rimettere in piedi muri e ricreare steccati nel cuore dell'Europa, si fanno sempre più assordanti. Nel vocabolario dei nostri giorni c'è chi risponde alle questioni epocali che ci investono dando sempre più spazio a parole piene di intolleranza verso interi popoli e culture. Una scorciatoia facile, che sommariamente identifica tutti gli altri da noi come nemici: senza distinguere i veri nemici del terrorismo e i delinquenti legati alle migrazioni, dagli uomini e dalle donne che vogliono vivere come noi in un mondo fatto di pacifiche convivenze" riflette in una nota l'esponente PD Andrea Martella.
"Ora più che mai, il ricordare tutti assieme, ognuno attraverso il proprio contributo, la dimensione gigantesca e disumana di quella tragedia che si è consumata nel cuore dell'Europa, assume un significato attuale" riflette il deputato, in occasione del Giorno della Memoria.
"Di valore umano ma sicuramente politico. - prosegue - Di difesa civile, collettiva, di una storia che proprio all'indomani della Shoah e della Seconda Guerra Mondiale ha cominciato a camminare verso un'Europa democratica ed egualitaria. Sicuramente sono stati commessi errori strada facendo. Errori che hanno impedito di avere oggi un'Europa autenticamente unita e al tempo stesso aperta. Ma anche attraverso momenti di ricordo come questo resta fondamentale affermare che indietro non si può, non si deve tornare."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: