le notizie che fanno testo, dal 2010

Gelli (PD): legge su rischio professionale un traguardo epocale

"Oggi è stato raggiunto un traguardo epocale per tutto il sistema sanitario. Questo provvedimento permetterà finalmente di dare il giusto equilibrio nel rapporto medico-paziente dopo oltre 15 anni di attesa", così in una nota Gelli, politico del Partito Democratico .

"Oggi è stato raggiunto un traguardo epocale per tutto il sistema sanitario. Questo provvedimento permetterà finalmente di dare il giusto equilibrio nel rapporto medico-paziente dopo oltre 15 anni di attesa" assicura Federico Gelli, responsabile sanità PD e relatore della proposta di legge in materia di responsabilità professionale del personale sanitario approvata alla Camera in prima lettura (307 sì, 84 no e 12 astenuti).
"Sono molto soddisfatto del testo approvato e orgoglioso del risultato raggiunto che corona sette mesi di lavoro fondamentali per dare una risposta su un tema molto complesso che da anni attendeva un'adeguata normativa. - spiega - Il provvedimento, finalmente in linea con quanto già avviene in altri Paesi europei, ci permette di aumentare garanzie e tutele per gli operatori delle professioni sanitarie e nello stesso tempo assicurare ai pazienti la possibilità di essere risarciti in tempi brevi e certi per gli eventuali danni subiti".
"Non si tratta assolutamente di un provvedimento sbilanciato a favore dei professionisti ma tende a ricostituire un nuovo equilibrio nel rapporto tra medico e paziente. - assicura l'esponente dem - Questa legge risponde a due problematiche come la mole del contenzioso medico legale, che ha causato un aumento sostanziale del costo delle assicurazioni per professionisti e strutture sanitarie, e il fenomeno della medicina difensiva che ha prodotto un uso inappropriato delle risorse destinate alla sanità pubblica".
"Le linee guida - precisa Gelli - saranno inserite nel sistema nazionale linee guida e pubblicate sul sito dell'Istituto Superiore di Sanità che ricoprirà così un ruolo centrale. Grazie a nuovi emendamenti approvati, i verbali e gli atti conseguenti l'attività di gestione del rischio clinico non potranno essere acquisiti o utilizzati nell'ambito dei procedimenti giudiziali. La responsabilità extracontrattuale ci sarà anche per i medici di famiglia e viene escluso l'intervento della Corte dei Conti nell'azione di rivalsa".
"La norma infine - conclude il parlamentare- si estende anche alla strutture socio-sanitarie. Ora il testo passerà al Senato, siamo assolutamente ottimisti che non sarà stravolto l'impianto delle norme approvate così da poter diventare finalmente legge in tempi rapidi".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: