le notizie che fanno testo, dal 2010

Dirigenti scolastici in sciopero 9 marzo. PD, D'Ottavio: MEF sblocchi fondi

"Non è necessario aprire un conflitto con i dirigenti scolastici. Infatti, la dichiarazione dello stato di agitazione della categoria proclamato dalle organizzazioni sindacali con una manifestazione prevista per il 9 marzo davanti al MIUR, ha ragioni vere e che possono essere rimosse", così in un comunicato Umberto D'Ottavio, esponente PD.

"Il presidente Matteo Renzi ha ragione quando afferma che bisogna andare avanti sulla riforma della scuola recuperando, però, un rapporto positivo con le figure professionali del mondo dell'istruzione. Anche per questo e per quanto previsto dalla legge sulla Buona Scuola non è necessario aprire un conflitto con i dirigenti scolastici. Infatti, la dichiarazione dello stato di agitazione della categoria proclamato dalle organizzazioni sindacali con una manifestazione prevista per il 9 marzo davanti al MIUR ha ragioni vere e che possono essere rimosse. È sufficiente che il MEF sblocchi l'utilizzo delle risorse già stanziate per la dirigenza scolastica" osserva in una nota Umberto D'Ottavio, deputato del PD e componente della commissione Cultura.
"Per questo oggi ho presentato una interrogazione al MEF per risolvere il contenzioso prima del 9 marzo. - anticipa l'esponente dem - I dirigenti scolastici, già pochi e sovraccarichi di responsabilità e di impegni, hanno tutto il nostro sostegno nel proseguire la loro preziosa attività di direzione del servizio scolastico nazionale".
Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal hanno infatti proclamato per il 9 marzo lo stato di mobilitazione dei dirigenti scolastici per il mancato rispetto impegni assunti dal governo il 4 dicembre 2014. Tra l'elenco delle rimostranze: i fondi contrattuali per il salario accessorio che vengono tagliati; la retribuzione dei dirigenti scolastici che continua a diminuire; i contratti regionali che non sono certificati dal Ministero dell'Economia che cerca di imporre una diminuzione della retribuzione pensionabile e della buonuscita; il fatto che non si trova soluzione per la sperequazione interna e l'allontanamento dell'equiparazione esterna; le condizioni di lavoro che peggiorano e le responsabilità che aumentano.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: