le notizie che fanno testo, dal 2010

Delitti predatori: Orlando verifichi perché colpevoli poco puniti, chiede PD

Interrogazione al ministro della Giustizia, Andrea Orlando per il contrasto dei delitti predatori.

"Di fronte al crescente allarme sociale che provocano, il Partito Democratico chiede al governo quali iniziative, anche normative, intenda avviare per contrastare i cosiddetti delitti predatori messi in atto con particolare efferatezza da bande criminali. Purtroppo, nonostante l'importante azione svolta dalle forze di polizia, raramente i colpevoli vengono messi nella condizione di non reiterare i loro crimini", denunciano in una nota il presidente della Commissione Lavoro, Cesare Damiano, ed il capogruppo della Commissione Giustizia della Camera, Walter Verini, firmatari di una interrogazione al ministro della Giustizia, Andrea Orlando.

"In particolare - aggiungono i due esponenti PD - chiediamo al ministro se sia stata avviata una verifica sui dati e sugli effetti distorsivi che possono ingenerarsi a seguito di prassi giurisprudenziali orientate ad un improprio automatismo tra mancanza di sentenze passate in giudicato e riconoscimento dei benefici di legge ai fini del riconoscimento della non applicazione della custodia cautelare, del riconoscimento delle attenuanti generiche, della sospensione della pena o del riconoscimento della continuità del reato".

"Inoltre - concludono i parlamentari - vorremmo sapere se non si ritenga opportuno segnalare tali criticità al Csm e alla Scuola superiore della magistratura per un'adeguata attività di programmazione e di formazione".

© riproduzione riservata | online: | update: 21/03/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Delitti predatori: Orlando verifichi perché colpevoli poco puniti, chiede PD
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI