le notizie che fanno testo, dal 2010

Delega Appalti, Bruno Bossio (PD): con nuovo Codice più libero mercato è più tutela dei diritti dei lavoratori

"L'approvazione da parte della Camera dei deputati della legge-delega al Governo, che attua la nuova disciplina europea in materia di contratti pubblici di lavori e servizi, è una buona notizia. Con la nuova normativa, infatti, lavori, servizi e forniture saranno affidati in maniera più rapida, trasparente e, soprattutto garantiranno una maggiore concorrenza tra gli operatori. Quello che sarà il nuovo ", così in una nota Enza Bruno Bossio, esponente del Partito Democratico .

"L'approvazione da parte della Camera dei deputati della legge-delega al Governo, che attua la nuova disciplina europea in materia di contratti pubblici di lavori e servizi, è una buona notizia" dichiara in una nota Enza Bruno Bossio, deputata del Partito Democratico, spiegando: "Con la nuova normativa, infatti, lavori, servizi e forniture saranno affidati in maniera più rapida, trasparente e, soprattutto garantiranno una maggiore concorrenza tra gli operatori. Quello che sarà il nuovo 'Codice degli appalti pubblici e dei contratti di concessione' supera, finalmente, le norme speciali della legge Obiettivo, che si affidava a procedure complesse e tortuose e, spesso, favoriva fenomeni di vero e proprio malaffare".
"E', inoltre, per me motivo di particolare soddisfazione l'approvazione a larga maggioranza di due emendamenti: - riferisce l'esponente PD - il primo, sottoscritto da me e dal collega Basso, che interviene per abolire la condizione di sostanziale privilegio dei fornitori alla PA di sistemi informatici per le componenti tecniche che, grazie alla norma introdotta, potranno essere aggiudicate, secondo i principi della libera concorrenza, anche a soggetti diversi dei vincitori dell'appalto di fornitura del sistema informatico; il secondo emendamento, proposto dai colleghi Albanella e Damiano introduce, invece, una clausola sociale per la stabilità occupazionale nel settore dei call center e tutela i rapporti di lavoro nei casi di successione di imprese nei contratti di appalti, alle medesime condizioni economiche e normative previste dalla contrattazione collettiva". La parlamentare conclude: "Con l'approvazione definitiva da parte del Senato delle norme approvate ieri dalla Camera sarà possibile, dunque, rendere la nostra PA più efficiente, il nostro sistema delle imprese più competitivo, i diritti dei lavoratori più garantiti."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: