le notizie che fanno testo, dal 2010

Damiano (PD): no a salario, nel pubblico serve rinnovo contratto

"Condivido l'opinione di Susanna Camusso: non si capirebbe la necessità di un intervento del Governo sul modello contrattuale. La priorità, oggi, è quella di rinnovare i contratti del pubblico impiego, sapendo che le risorse stanziate sono al momento insufficienti", così in una nota Cesare Damiano, parlamentare del PD.

"Condivido l'opinione di Susanna Camusso: non si capirebbe la necessità di un intervento del governo sul modello contrattuale. La priorità, oggi, è quella di rinnovare i contratti del pubblico impiego, sapendo che le risorse stanziate sono al momento insufficienti. L'accordo raggiunto da CGIL, CISL e UIL sul modello di contrattazione rappresenta un buon punto di partenza e toglie ogni alibi a coloro che pensano di introdurre il salario per legge in sostituzione dei contratti nazionali" afferma in una nota Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro alla Camera.
"Questa misura può servire unicamente per i lavoratori che non hanno un contratto nazionale di riferimento. - chiarisce il deputato PD - Per gli altri lavoratori le retribuzioni fissate dai contratti, che sono il frutto della libera negoziazione tra le parti, devono mantenere la stessa forza della legge, come avviene attualmente. Diversamente, si andrebbe verso la strada di uno sfrenato dumping sociale, ancora una volta a scapito dei lavoratori, le cui retribuzioni sarebbero trascinare verso il basso".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: