le notizie che fanno testo, dal 2010

Bini (PD): iniziativa "Casa Sicura" di Pistoia è esperimento importante

"Voglio esprimere grande soddisfazione per l'iniziativa 'CasaSicura', il primo ed unico progetto didattico-educativo sulla sicurezza domestica esistente in Italia, che si trova a Pistoia. Un esperimento importante che mi auguro potrà fare da apripista a molte altre realtà uguali su tutto il territorio Nazionale", così in una nota Caterina Bini, rappresentante dem .

"Voglio esprimere grande soddisfazione per l'iniziativa 'CasaSicura', il primo ed unico progetto didattico-educativo sulla sicurezza domestica esistente in Italia, che si trova a Pistoia. Un esperimento importante che mi auguro potrà fare da apripista a molte altre realtà uguali su tutto il territorio Nazionale" sottolinea in una nota Caterina Bini, deputata del PD.
"La casa è un ambiente sicuro ma altrettanto insidioso se non se ne conoscono i pericoli in agguato. - prosegue la parlamentare - Il percorso di Casa Sicura vuole essere un insegnamento utile per prevenire incidenti domestici a volte anche gravi, causati da distrazione e spesso da azzardi veri e propri. Il tracciato è a senso unico: cucina, camere, bagno balcone e giardino e, in molti punti del percorso, sono segnalati ed evidenziati i rischi e le cose da non fare, in modo tale che i ragazzi possano farne esperienza in questa percorso e ricordarsi poi come è più opportuno comportarsi una volta a casa".
"Un grazie all'Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco che ha voluto fortemente portare avanti questo progetto che nasce con il contributo del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, con il Patrocinio di Comune, Provincia, Regione Toscana e di tre Ministeri e che, dopo gli impegni di ristrutturazione, è ripartito per un nuovo anno, rispettando le programmazioni e le aperture ordinarie e straordinarie. - evidenzia l'esponente dem - Il tutto affrontato dai Vigili del Fuoco a titolo volontario e gratuito. Il progetto fatto di percorsi e livelli differenziati a seconda dell'età, con quasi 3.500 ragazzi che hanno già potuto usufruire dei progetto educativo, con un bacino d'utenza che si estende anche alle province limitrofe, dà la misura di come il territorio abbia accolto di buon grado questa iniziativa e di come ci sia la consapevolezza che la cultura della sicurezza vada promossa, fin dall'età della scuola".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: