le notizie che fanno testo, dal 2010

Appalti Rai, Peluffo (PD): perché audit interni non dati a magistratura?

"Non si capisce quindi in che modo le future norme sugli appalti possano avere a che fare con i difetti di un sistema che, una volta approvata la riforma, sarà superato e necessariamente confinato nel passato", dal Partito Democratico una nota di Vinicio Peluffo che replica a Roberto Fico sulla vicenda dgli appalti Rai.

"La nuova, ossessiva crociata di Roberto Fico, quella sugli appalti Rai, ha un serio difetto: soffre di un grave strabismo temporale" denuncia in una nota Vinicio Peluffo, capogruppo PD in Commissione Vigilanza Rai, commentando il post su Facebook scritto dall'esponente del MoVimento 5 Stelle. Fico dichiara infatti: "Il settore degli appalti in Italia è delicatissimo: lo vediamo quotidianamente con gli scandali che coinvolgono ogni comparto pubblico, inclusa la Rai. - aggiungendo - Ma cosa hanno deciso di fare il governo e il PD di fronte a questa situazione? Hanno ben pensato di prevedere deroghe al codice degli appalti per la televisione pubblica, riservando all'azienda un trattamento speciale inspiegabile vista la natura giuridica della Rai e la sua missione". Il presidente della Vigilanza Rai chiede quindi al governo di "stralciare dal ddl Rai quelle norme" per non fornire "assist a corruzione e malaffare".
Peluffo però afferma: "La magistratura sta indagando sui casi di cui parla il presidente della Vigilanza e quindi va lasciata lavorare. Le vicende di cui si occupa la Procura romana sono tuttavia riferite agli anni passati. Non si capisce quindi in che modo le future norme sugli appalti possano avere a che fare con i difetti di un sistema che, una volta approvata la riforma, sarà superato e necessariamente confinato nel passato". L'esponente dem conclude: "Piuttosto le questioni su cui la Commissione Vigilanza dovrebbe concentrare la propria attenzione sono le ragioni per le quali le risultanze dei 37 audit interni all'azienda non siano mai arrivati nelle mani di magistrati. Occorre capire perché ne sia stata sottovalutata la gravità e individuare chi era competente nel passare quei documenti alla Procura e non l'ha fatto".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: