le notizie che fanno testo, dal 2010

Osama Bin Laden è morto ma non era più il capo di Al Qaida

Osama Bin Laden è morto come annunciato dal Presidente USA Barack Obama ma "la battaglia per fermare Al Qaeda non è finita" sottolinea Hillary Clinton, perché Bin Laden avrebbe da tempo passato "il comando di Al Qaida ad una serie di gruppi di potere talebani".

Osama Bin Laden è morto, dice Barack Obama, e quindi in linea teorica dovrebbe essere chiusa una pagina lunga 10 anni, iniziata con l'attentato dell'11 settembre 2001 e proseguita con le guerre in Iraq e in Afghanistan. Ma "la battaglia per fermare Al Qaeda non è finita con la morte di Bin Laden" precisa immediatamente il segretario di Stato USA, Hillary Clinton, riprendendo il filo del discorso di Obama, sottolineando: "La lotta continua e noi non esiteremo e non vacilleremo mai". "Questa è l'America" conclude risoluta Hillary Clinton, che a quanto sembra ha portato a termine una azione più che altro onorifica anziché definitiva, anche perché "la prima cosa che in questo momento temono i servizi segreti è la reazione rabbiosa, furibonda, che potrebbe esserci" dopo l'annuncio della morte di Osama Bin Laden, come spiegava ieri notte, 2 maggio, l'inviata Giovanni Botteri in collegamento con Luca Boccia di Rainews. "Io credo che la cosa che in questo momento preme agli americani è il più possibile di prevenire le reazioni rabbiose da uno degli uomini più vicini di Bin Laden a Guantanamo - annunciava la Botteri, che ricorda come "subito dopo gli attentati Bin Laden scappa in Afghanistan e si rifugia dagli amici talebani" sottolineado poi: "Ma fa molto di più". Giovanni Botteri spiega infatti che Osama Bin Laden, "sicuro di venire prima o poi catturato, ucciso", avrebbe da tempo passato "il comando di Al Qaida ad una serie di gruppi di potere talebani" rivelando un fatto inquietante, se fosse confermato: "Secondo i suoi uomini rinchiusi a Guantanamo addirittura ci sarebbe l'idea di un attentato terribile con un arma atomica nascosta da qualche parte in Europa in caso di uccisione". Giovanna Botteri conclude insistendo quindi sul fatto che "sono passati 10 anni, Bin Laden ha avuto modo in qualche modo di preparare e di mettere in scena la propria cattura e la propria morte. Che cosa può succedere adesso. Bin Laden non è più il capo operativo, ci sono altri capi operativi in grado di agire. E Obama l'ha detto. La morte di Bin Laden non significa la fine di Al Qaida ma è evidentemente un fatto estremamente simbolico". Questa è l'America.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: