le notizie che fanno testo, dal 2010

Olimpiadi invernali Sochi 2014, discesa sci alpino: Italia in top-12

Oltre all'argento di Christof Innerhofer nella discesa maschile di sci alpino, tutta la squadra può dirsi soddisfatta del risultato raggiunto in queste Olimpiadi di Sochi 2014, visto che gli azzurri sono rimasti nella top-12 in questa specialità. Peter Fill si piazza infatti settimo, Dominik Paris undicesimo e Werner Heel dodicesimo. Le prime dichiarazioni a caldo.

Oltre all'argento di Christof Innerhofer nella discesa maschile di sci alpino, tutta la squadra può dirsi soddisfatta del risultato raggiunto in queste Olimpiadi di Sochi 2014, visto che gli azzurri sono rimasti nella top-12 in questa specialità, unica nazione, l'Italia, in grado di ottenere tale risultato. Peter Fill si piazza infatti settimo, Dominik Paris undicesimo e Werner Heel dodicesimo. La FISI (Federazione italia sport invernali), riporta quindi le dichiarazioni degli azzurri al termine della discesa di sci alpino. "Sono abbastanza contento della mia prestazione, ho visto che ci sono anche se la pista nella parte bassa è diventata probabilmente più lenta, ma non riesco a capire esattamente il motivo" sottolinea Peter Fill, ricordando: "L'ultima gara a Kitzbuehel non è andata bene, qui sono ritornato coi migliori. Questo piazzamento mi regala una grande motivazione, era logico che non potevamo fare quattro medaglie, però siamo lì davanti a tutti ed è bello". Peter Fill quindi evidenzia: "Già una volta Innerhofer ha iniziato a fare medaglie (nei Mondiali di Garmisch, nda) e poi ho cominciato anch'io, magari succede lo stesso, ho altre due possibilità". Anche Dominik Paris è felice del suo undicesimo posto a queste Olimpiadi invernali di Sochi 2014. "Dopo tanto tempo sono riuscito a ritrovare il mio ritmo. Si è visto che sbaglio ancora in tanti passaggi, ma sono tornato su livelli di competitivtà. - ammette Dominik Paris - Ho sbagliato nella parte centrale, dove ho perduto pure la presa di un bastone. Ci sono ancora piccole cose da sistemare, ma questi sono particolari". Forse un po' più deluso è invece Werner Heel, che pur sottolineando il suo "miglioramento rispetto alle prove" chiarisce: "Ma qui non conta perchè contano soltanto le medaglie". Nonostante questo, Werner Heel analizza la discesa in maniera positiva: "Ho visto che la forma era in aumento rispetto all'ultimo mese, abbiamo ritrovato un buon feeling con il materiale, testato tanto in gennaio per arrivare qui preparati, nel finale forse ho voluto strappare a pezzi perchè non ho trovato tanto il ritmo in cima". Infine, i complimenti a Christof Innerhofer precisando: "Sappiamo che scia bene in queste condizioni, soprattutto nella parte alta dove ha fatto la differenza".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: