le notizie che fanno testo, dal 2010

Olimpiadi 2020: Istanbul si candida e sfida Roma. E potrebbe vincere

Istanbul ha sciolto le riserve ed ha annunciato la sua candidatura per i Giochi olimpici del 2020, sfidando quindi Roma, Madrid e Tokyo, finora uniche candidate ufficiali. E potrebbe anche farcela.

Istanbul ha sciolto le riserve ed ha annunciato la sua candidatura per i Giochi olimpici del 2020, sfidando quindi Roma, Madrid e Tokyo, finora uniche candidate ufficiali. A queste quattro potrebbero aggiungersi anche Doha (Qatar) e Durban (Sudafrica), che ancora non si sono espresse definitivamente. Sarà comunque il Comitato olimpico internazionale, il 1 settembre, ad ufficializzerà numero e nomi delle città candidate. A comunicare la decisione della condidatura di Istanbul alle Olimpiadi del 2020 è stato il primo ministro Recep Tayyip Erdogan, che senza troppi giri di parole non solo afferma che la città ha "le strutture per ospitare un evento del genere", ma che la Turchia è "uno dei pochi Paesi che può sostenere l'onere finanziario della manifestazione". In effetti, i numeri della Turchia appaiono rassicuranti, soprattutto se paragonati a quelli di altri Paesi, come l'Italia, colpiti pesantemente dalla crisi che si abbattutta sull'Europa. Nel primo trimestre del 2011 la crescita della Turchia sfiora infatti l'11%, e gli investimenti sono "proprio nel campo delle infrastrutture sportive", precisa Recep Tayyip Erdogan. Tra le candidate in lizza, quindi, Istanbul sembra davvero avere stavolta (al contrario del 2000) tutte le carte in regola per la vittoria. L'attesa sarà comunque lunga, visto che la città sede delle Olimpiadi 2020 sarà scelta dal CIO il 7 settembre 2013 a Buenos Aires.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: