le notizie che fanno testo, dal 2010

Olimpiadi 2012 nuoto: Pellegrini fuori. Le polemiche. Oggi 4x200 sl

Giornata di polemiche quelle di ieri per gli azzurri del nuoto alle Olimpiadi 2012 di Londra, iniziate con Filippo Magnini dopo aver mancato la semifinale nei 100 stile libero, e si chiudono con Federica Pellegrini, che perde l'imbattibilità nei 200 stile libero. Le dichiarazioni e il programma di oggi 1 agosto.

E' caduto il muro dell'imbattibilità nei 200 stile libero per Federica Pellegrini, abbattuto dalla statunitense Allison Schmitt, che chiude in 1'53"61, miglior tempo mai nuotato con costume in tessuto. Federica Pellegrini arriva invece solamente quinta, con un brutto 1'56"73, alle spalle della francese Camille Muffat (1'55"58), dell'australiana Bronte Barratt (1'55"81) e dell'altra statunitense Melissa Franklin (1'55"82). Dopo la prestazione di Federica Pellegrini, si riaccendono quindi le polemiche che avevano tenuto banco la mattina di ieri, dopo la deludente gara di Filippo Magnini, piazzatosi 19esimo (49"18 ) nelle batterie dei 100 stile libero e quindi fuori dalle semifinali. Peggio ancora è stato per Luca Dotto, che sempre nelle batterie dei 100 stile libero si è piazzato 22esimo con 49"43. Magnigni avrebbe infatti sparato a zero, soprattutto contro il team e l'allenatore Claudio Rossetto, affermando tra le altre cose: "La velocità ha cannato completamente la preparazione olimpica. Da gennaio tutti male, serve una resa dei conti. So di aver dato tutto, ma in gara non rendiamo. E' un peccato presentarsi a un'Olimpiade così - e ancora - Io guardo al rapporto con Claudio e di sicuro qualcosa è mancato. Bisogna rinnovare tutto dell'Italia: parliamo degli statunitensi, lì gli atleti cambiano ma anche lo staff. La verità è che abbiamo fatto ma non è venuto fuori niente". Su Twitter Filippo Magnini corregge poi il tiro, precisando: "Purtroppo io ho solo detto: abbiamo sbagliato tutti, io, Claudio (Rossetto, ndr), il preparatore, i fisio, la nazionale. Quando si perde bisogna unirsi per ripartire", anticipando ai microfoni di Sky Sport di voler continuare ad essere allenato da Rossetto. Condivide le parole del fidanzato anche Federica Pellegrini, che a Rai Sport sottolinea come Filippo Magnini abbia "fatto bene" ad evidenziare che gli azzurri del nuoto, in queste Olimpiadi 2012 di Londra, non sono riusciti finora a conquistare nessuna medaglia e nessun risultato. "Ora possiamo dire che nessuno è arrivato in questa Olimpiade in forma, per un motivo o per l'altro è stato così" afferma Federica Pellegrini, quasi a voler lasciar intendere che tale preoccupazione era sorta ben prima delle Olimpiadi di Londra 2012, ma che solo adesso che gli obiettivi non sono stati raggiunti è stato possibile palesare tali problematiche. La Pellegrini infatti aggiunge: "Purtroppo non siamo arrivati in questa Olimpiade di Londra in uno stato di forma adeguato, adesso posso dirlo perché io sono una persona che fin quando non tocco per l'ultima gara difficilmente mette in dubbio il suo stato di forma, perché comunque con la testa si cerca sempre di andare oltre. Abbiamo cercato di voltare pagina dopo i 400 stile libero, però se oggi non sono riuscita ad abbassare il tempo neanche di ieri in semifinale un motivo purtroppo c'è ed è appunto legato allo stato di forma che pochi hanno avuto fino adesso, purtroppo". Al contrario Filippo Magnini ha ricordato di avere "30 anni e di nuotare da 22" e che quindi è in grado capire quando sta male e quando sta in forma, ammettendo: "Sarà stato un mio errore non aver dato le indicazioni giuste per correggere certi errori. Io non cerco colpevoli, ma adesso serve fermarsi un attimo e parlarne". Federica Pellegrini non punta però il dito sul ct Claudio Rossetto, spiegando: "Io sono convinta di aver fatto tutto il possibile quest'anno per arrivare a questa Olimpiade pronta, quindi io veramente non dò la colpa a nessuno, a nessuno del mio team e neanche a me stessa, sinceramente, perché ho fatto veramente tutto il possibile per arrivare in forma". "Probabilmente i motivi saranno altri" aggiunge quindi Federica Pellegrini, rivelando che prima della finale di nuoto dei 200 stile libero era sinceramente convinta di poter vincere per la terza volta, in tre Olimpiadi diverse, una medaglia nella stessa disciplina. "I tempi lo permettevano - dice la Pellegrini - almeno nella mia testa sapevo con con un 55'' alto si andava a medaglia, quindi con la mia testa pensavo di riuscire ad abbassare quel secondino, fin da ieri sera. Però così non è stato". Ragionando però sul tempo di Allison Schmitt, Federica Pellegini comunque ammette: "Non so se avrei potuto nuotare in 1'53" anche se fossi stata al top della condizione". Federica Pellegrini quindi ribadisce l'intenzione di voler staccare per almeno un anno da "questa sorta di adattamento ad un allenamento sempre tirato al massimo tutti i giorni dell'anno". "Mi farà bene riposarmi un po'" dice convinta Federica Pellegrini, ricordando: "Volevo fermarmi dopo Roma 2009, ma poi è mancato Alberto (Castagnetti, il ct del nuoto scomparso, ndr), ed ho deciso di proseguire per far vivere il suo ricordo nei miei successi. Adesso, però, ho bisogno di staccare un po' - promettendo - L'anno prossimo nuoterò sulle distanze più brevi e cercherò di qualificarmi ai Mondiali di Barcellona 2013 con la staffetta 4x200 stile libero, a cui tengo molto, e con cui spero di fare bene anche qui". "Sicuramente mi dispiace staccare in questo modo - conclude quindi Federica Pellegrini - anche se ovviamente ci saranno le staffette, e lì sicuramente darò il massimo come ho fatto fino adesso". Il programma delle Olimpiadi 2012 prevede infatti oggi 1 agosto in calendario, per il nuoto, la staffetta 4x200 stile libero femminile. In programma alle ore 13:35 italiane le batterie 4x200 sl, mentre alle ore 21:59 la finale. La staffetta 4x200 stile libero femminile sarà composta nell'ordine da Alice Mizzau, Alice Nesti, Diletta Carli e naturalmente Federica Pellegrini.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: