le notizie che fanno testo, dal 2010

Olimpiadi 2012 ciclismo su strada cronometro: Italia in pista

L'Italia del ciclismo torna in pista, o meglio su strada, in queste Olimpiadi 2012 di Londra. Oggi 1 agosto correranno gli specialisti del cronometro, sia maschile con Marco Pinotti che femminile con Noemi Cantele e Tatiana Guderzo.

Ricomincia il sogno olimpico dell'Italia del ciclismo, a Londra 2012. Oggi 1 agosto, infatti, scenderanno in pista, o meglio su strada, gli specialisti del cronometro, sia maschile (su un percorso di 44 km) che femminile (su un percorso di 29 km). Alle ore 13:30 italiane, con cornice l'Hampton Court Palace, l'Italia del ciclismo vedrà correre Noemi Cantele e Tatiana Guderzo. Il ct Edoardo Salvoldi spiega che il "percorso è pianeggiante, adatto alle specialiste", anche se la vera incognita sarà la pioggia. Il ct delle azzurre ammette che "obiettivamente per noi puntare al podio è difficile - aggiungendo - comunque è un'Olimpiade e le ragazze daranno il massimo per fare una buona gara. Per la vittoria credo che le favorite siano la campionessa uscente Kristin Armstrong, la campionessa del mondo Judith Arndt e poi la neozelandese Linda Villumsen. Però mi aspetto una grande prova anche di Marianne Vos che ha dimostrato di essere superiore a tutte le altre e che in caso di pioggia, come domenica, diventerebbe davvero pericolosa". Alle ore 15:30 sarà il momento di Marco Pinotti, sempre per la gara di ciclismo su strada cronometro individuale. Il ct Paolo Bettini spiega che "l'uomo per la cronometro deve essere obbligatoriamente scelto tra gli atleti che hanno preso parte alla prova su strada" e che quindi "il ruolo tocca giustamente a Marco Pinotti che oltre ad essere uno specialista di questa disciplina ha dimostrato grande impegno e dedizione al progetto azzurro per Londra". Marco Pinotti ricorda però che queste sono le sue prime Olimpiadi, e sottolinea: "Essere qui all'età di 36 anni è una grande soddisfazione. Darò il massimo per onorare la gara e questa maglia azzurra nel migliore dei modi. Quest'anno ho vinto due prove a cronometro, l'ultima tappa del Giro d'Italia a Milano nel mese di maggio e, più recentemente, qualche settimana fa, una crono al Tour of Austria che mi ha dato conferma del mio buon stato di forma". "Certo gli avversarsi sono molto forti - conclude Pinotti - su tutti per l'oro ritengo che i favoriti saranno Bradley Wiggins e, se avrà recuperato dalla caduta di sabato, Fabian Cancellara".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: