le notizie che fanno testo, dal 2010

Londra 2012 lancio del peso senza Italia. Ma finale lancio martello

Mentre in queste Olimpiadi di Londra 2012 la finale di stasera di lancio del peso maschile non si tingerà d'azzurro perché l'Italia non ha nessun atleta, a tenere alta la bandiera è Nicola Vizzoni, che conquista la finale di lancio del martello. Eliminato invece Lorenzo Povegliano.

In queste Olimpiadi di Londra 2012 l'Italia maschile del lancio del peso (o più correttamente getto del peso) non ha nessun atleta in gara, mentre per le donne salirà sulla pedana di lancio il 6 agosto l'azzurra Chiara Rosa . Ma l'atletica leggera italiana è rappresentata da ben tre atleti nel lancio del martello. Per le donne, c'è Silvia Salis (qualificazioni in programma l'8 agosto), mentre per gli uomini c'è Lorenzo Povegliano e Nicola Vizzoni. Se quindi questa sera (3 agosto) l'Italia sarà la grande assente nella finale olimpica di Londra 2012 del lancio del peso, che si disputerà alle ore 20:30 locali, tiene invece alta la bandiera tricolore proprio l'azzurro Nicola Vizzoni, che si è conquistato la finale del lancio del martello (piazzandosi al decimo posto) in programma domenica 5 agosto alle ore 21:20 italiane con un lancio da 74,79 metri. Qualificazione sofferta, perché Nicola Vizzoni ha dovuto attendere il termine del secondo gruppo di lanci per avere la certezza che il suo lancio bastava per la finale olimpica di Londra 2012. Nicola Vizzoni raggiunge così la terza finale olimpica in carriera dopo l'argento a Sydney 2000 e il decimo posto di Atene 2004. La martellata migliore arriva al primo ingresso in gabbia, con appunto 74,79 metri, anche se questa mattina si sono superati persino i 79 metri, raggiunti dall'ungherese, campione europeo, Krisztian Pars (79,37), mentre il giapponese oro olimpico in carica Koji Murofushi e l'olimpionico sloveno Primoz Kozmus hanno ottenuto rispettivamente un 78,48 metri ed un 78,12 metri. "Purtroppo oggi non riuscivo ad accelerare e chiudere come si deve nel terzo giro - commenta dopo la gara Nicola Vizzoni - Peccato, perché sicuramente non valgo 74,79. Fin qui per me è stata una stagione difficile, prima un infortunio in inverno e, dopo gli Europei, un problema alla spalla che, però oggi non mi ha dato alcun fastidio". Male invece per l'altro azzurro Lorenzo Povegliano, che termina la corsa olimpica a causa di un deludente 71,55 metri ottenuto al primo lancio.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: