le notizie che fanno testo, dal 2010

Olanda condannata per 3 vittime Srebrenica: suoi caschi blu sapevano

La Corte d'Appello di un tribunale olandese, ribaltando la sentenza di primo grado, ha giudicato i Paesi Bassi responsabili della morte di tre cittadini bosniaci musulmani assassinati dalle milizie serbe a Srebrenica, nel 1995.

La Corte d'Appello di un tribunale olandese, ribaltando la sentenza di primo grado, ha giudicato i Paesi Bassi responsabili della morte di tre cittadini bosniaci musulmani assassinati dalle milizie serbe a Srebrenica, nel 1995. Per i giudici, infatti, il contingente olandese dei caschi blu, perché sotto il mandato ONU, avrebbe fatto uscire dalla base migliaia di musulmani per "consegnarli alle truppe serbo bosniache", pur sapendo che sarebbero finiti nelle mani delle truppe di Ratko Mladic, imputato presso il tribunale dell'Aja per crimini di guerra, accusato di aver ucciso oltre 8000 civili. Secondo la Corte, infatti, il contigente olandese sapeva delle barbarie che si stavano compiendo a Srebrenica. "Il battaglione - afferma la sentenza - "è stato testimone di diversi episodi in cui i serbo-bosniaci erano stati torturati o uccisi fuori dalla base. Gli olandesi sapevano che quegli uomini avrebbero corso un grande rischio lasciando la base". La sentenza riprende anche il contenuto di un rapporto ufficiale che nel 2002 portò il governo olandese in carica a dimettersi, anche se nel 2008 a seguito di una inchiesta lo stesso fu scagionato da ogni responsabilità. Tale sentenza, se confermata, potrebbe però essere un importante precedente, visto che le cosidette Madri di Srebrenica hanno da tempo avviato una battaglia legale di fronte alla Corte Suprema olandese, perché i caschi blu, all'epoca dei fatti, "avevano il compito di garantire la sicurezza dell'area, istituita come zona protetta su mandato dell'ONU" come ricorda l'Agi. Il caso che ha portato a tale "clamorosa" sentenza è stato aperto da Hasan Nuhanovic, che perse un fratello e il padre, e dai familiari di Rizo Mustafic.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: