le notizie che fanno testo, dal 2010

ONU: cessate il fuoco "incondizionato" su Gaza. Ban Ki-moon: poi fine del blocco

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto un "immediato ed incondizionato" cessate il fuoco al governo di Israele e ad Hamas, per permettere una assistenza umanitaria urgente nella Striscia di Gaza. Ban Ki-moon auspica inoltre "la fine del blocco a Gaza e a quasi mezzo secolo di occupazione".

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, riunitosi in una sessione straordinaria poco dopo la mezzanotte, ha chiesto un "immediato ed incondizionato" cessate il fuoco al governo di Israele e ad Hamas, per permettere una assistenza umanitaria urgente nella Striscia di Gaza. Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU ha inoltre invitato "le parti a impegnarsi per raggiungere un cessate il fuoco duraturo e pienamente rispettato, su iniziativa egiziana". Finora, l'offensiva militare israeliana a Gaza ha causato, oltre che centinaia di morti e migliaia di feriti (e la distruzione di interi quartieri), circa 170mila rifugiati. L'ONU sottolinea come il suo segretario generale, Ban Ki-moon, abbia esortato quindi ad "attuare pienamente in periodo dell'Eid al-Fitr", che segna la fine del mese sacro del Ramadan, auspicando che questo sia "il tempo per superare le differenze". Il portavoce di Ban Ki-moon sottolinea quindi come il segretario generale dell'ONU esorti le parti affinché queste ascoltino il suo appello e quello della comunità internazionale "per il bene delle generazioni presenti e future di palestinesi e israeliani". Ban Ki-moon precisa infatti che gli israeliani e i palestinesi hanno una ulteriore responsabilità oltre la cessazione delle ostilità in corso, poiché è necessario che avviino un serio dialogo per affrontare alla radice le cause del conflitto. "Ciò significherà la fine del blocco a Gaza e a quasi mezzo secolo di occupazione" conclude Ban Ki-moon.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: