le notizie che fanno testo, dal 2010

Guerra a Gaza, ONU: commissione inchiesta sui bombardamenti di Israele

Dopo che Amnesty International, nel suo ultimo rapporto, ha denunciato il fatto che, durante il lungo conflitto di questa estate nella Striscia di Gaza, Israele ha commesso dei crimini di guerra, anche l'ONU annuncia l'avvio di una propria commissione d'inchiesta. Il segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon vuole infatti approfondire certi "incidenti" segnalati presso le strutture delle Nazioni Unite nella Striscia di Gaza, bombardati durante il conflitto.

Dopo che Amnesty International, nel suo ultimo rapporto, ha denunciato il fatto che, durante il lungo conflitto di questa estate nella Striscia di Gaza, Israele ha commesso dei crimini di guerra "compiendo una serie di attacchi contro le abitazioni civili e mostrando una profonda indifferenza per le stragi causate", anche le Nazioni Unite sembrano intenzionata a vederci chiaro. Il segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon ha infatti annunciato, il 10 novembre, l'intenzione di avviare una commissione d'inchiesta per approfondire certi "incidenti" (leggi bombardamenti) segnalati presso le strutture delle Nazioni Unite nella Striscia di Gaza durante il recente conflitto di questa estate tra le fazioni palestinesi e lo Stato di Israele. Tra queste strutture anche alcune scuole, gestite dall'UNRWA per assistere i rifugiati palestinesi. A causa di vari attacchi israeliani, sotto questi edifici gestiti dall'ONU sono morti non solo civili palestinesi ma anche aluni operatori dell'organizzazione internazionale. L'ONU denuncia che la guerra, che infuriò dall'8 luglio al 26 agosto 2014, ha visto interi quartieri nella Striscia devastati, e quasi un terzo della popolazione di Gaza sradicata dal suo territorio. I bombardamenti hanno inoltre ucciso circa 2.100 palestinesi, tra cui più di 500 bambini, e distrutto più di 100.000 case. La commissione di inchiesta dell'ONU sarà guidata da Patrick Cammaert dei Paesi Bassi e comprenderà Maria Vicien-Milburn dell'Argentina, Lee O'Brien degli Stati Uniti, Pierre Lemelin del Canada e KC Reddy dell'India.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: