le notizie che fanno testo, dal 2010

OGM, M5S: sentenza Corte UE non dia via libera a cisgenesi e genoma editing

Il M5S commenta la sentenza della Corte di Giustizia UE sugli OGM.

"Con questa sentenza viene calpestato il principio di precauzione, uno degli strumenti pilastro in difesa dell'ambiente e della salute dei Paesi membri e baluardo della normativa UE contro i trattati di libero scambio come Ceta e TTIP", denunciano in una nota i parlamentari del MoVimento 5 Stelle delle Commissioni Agricoltura di Camera e Senato, commentano la sentenza della Corte di Giustizia UE sugli OGM.

"Dal punto di vista operativo e legislativo non cambia nulla - spiegano i parlamentari 5 Stelle - in quanto la pronuncia è relativa a un ricorso precedente alla nuova normativa vigente (Regolamento 412 del 2015) secondo la quale gli Stati UE possono vietare la coltivazione degli OGM sul proprio territorio anche se non vi siano condizioni di urgenza o di rischio ambientale".
"L'Italia ha già dato il proprio 'opt out' ma - precisa la senatrice M5S Elena Fattori - ha dimostrato come sia pericoloso affidarsi al solo principio di precauzione che per l'Unione europea, come dimostra la sentenza di oggi, è un concetto troppo labile, come abbiamo da sempre segnalato nelle nostre mozioni, interrogazioni e risoluzioni sul tema. La speranza è che questa pronuncia della Corte UE non sia un via libera per le nuove biotecnologie come cisgenesi e genome editing, nuova frontiera degli OGM".

© riproduzione riservata | online: | update: 15/09/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
OGM, M5S: sentenza Corte UE non dia via libera a cisgenesi e genoma editing
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI