le notizie che fanno testo, dal 2010

De Girolamo: emergenza in Terra dei Fuochi e Ilva non ha pari in Europa

Nunzia De Girolamo sottolinea che i risultati dello studio epidemiologico Sentieri pubblicato dall'Istituto Superiore di Sanità sono scioccanti, poiché dimostra un eccesso di mortalità ed ospedalizzazione a causa di vari tumori nella popolazione, anche infantile. La deputata di Ncd invita quindi il governo ad "incrementare il proprio impegno per fronteggiare un'emergenza che non conosce pari in Europa".

"Lo studio epidemiologico pubblicato dall'Istituto Superiore di Sanità è scioccante" afferma Nunzia De Girolamo, commentando i risultati della ricerca Sentieri che mostra un eccesso di mortalità ed ospedalizzazione per vari tumori nella popolazione che vive nella Terra dei Fuochi e nell'area attorno all'ILVA di Taranto, anche e purtroppo tra i bambini. "Personalmente, nel mio ruolo di ministro ero riuscita a rompere quel ciclo di complicità e silenzi trasversali che da anni aleggiava intorno alla Terra dei Fuochi, mi sono impegnata fortemente nell’adozione di un decreto che stabilisse un programma di bonifiche per rilanciare il territorio e tutelare i suoi cittadini" sostiene la deputata del Nuovo centrodestra, ammettendo però come oggi purtroppo "l'ISS ci viene a dire che nella Terra dei Fuochi c’è un eccesso di mortalità rispetto al resto della regione del 10% per gli uomini e del 13% per le donne nei comuni in provincia di Napoli, mentre per quelli in provincia di Caserta è rispettivamente del 4% e del 6%". Per questo motivo, De Girolamo invita il governo ad "incrementare il proprio impegno per fronteggiare un’emergenza che non conosce pari in Europa e che anche sul fronte economico sta provocando ingenti perdite al mercato dell’agroalimentare. - concludendo - La salute dei cittadini dev’essere un priorità non una variabile da considerare occasionalmente".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: