le notizie che fanno testo, dal 2010

Ragazze rapite Nigeria: video Boko Haram. Cardinale Onaiyekan: ora azioni concrete

Boko Haram ha diffuso un video dove mostra le studentesse rapite in Nigeria lo scorso 14 aprile, con alcune ragazze che affermano di essersi convertite dal cristianesimo all'Islam. Il cardinale John Onaiyekan, Arcivescovo di Abuja, almenta l'impotenza di Goodluck Jonathan, Presidente della Nigeria, e chiede "azioni concrete per riportare a case le ragazze".

"Vogliamo vedere azioni concrete per riportare a case le ragazze rapite da Boko Haram" ha affermato il Cardinale John Onaiyekan, Arcivescovo di Abuja, in una dichiarazione alla Catholic News Agency, lo stesso giorno in cui viene diffuso dal gruppo integralista islamico il video che mostra le studentesse rapite in Nigeria il 14 aprile scorso nel liceo di Chibok (nello Stato di Borno), coperte da un velo mentre pregano recitando il Corano. Nel video, tre ragazze vengono intervistate, e due dichiarano di essersi convertite dal cristianesimo all'islamismo mentre una terza afferma che era già musulmana. Le ragazze inoltre assicurano che non sono state trattate male dai propri rapitori. Boko Haram chiede, in cambio della liberazione delle studentesse, il rilascio di prigionieri appartenenti al gruppo estremista. Un vertice sulla sicurezza in Nigeria e la minaccia di Boko Haram dovrebbe tenersi a Parigi sabato prossimo e il presidente Francois Hollande ha chiesto "agli americani e ai britannici" di parteciparvi insieme ai rappresentanti dell'UE. Al summit parteciperanno anche i leader di Nigeria, Ciad, Camerun, Niger e Benin.

L'Arcivescovo di Abuja lamenta però l'impotenza di Goodluck Jonathan, Presidente della Nigeria, sottolineando che ancora non si sono viste "azioni concrete". "Fino ad ora non abbiamo sentito praticamente nulla di concreto sulla questione. Penso che ogni nigeriano sia preso alla sprovvista. Non possiamo spiegare cosa stia succedendo" ha affermato il cardinale, come riporta l'agenzia di stampa Fides che cita anche alcune testimonianze riprese dal quotidiano di Kinshasa "Le Potentiel", quando rivela che una cinquantina di ragazze di lingua inglese accompagnate da uomini che parlavano la stessa lingua sono state viste transitare nei pressi di Tiringoulou e di Birao, due cittadine nel nord-est della Repubblica Centrafricana. Nella notte tra il 4 e il 5 maggio le ragazze sarebbero state poi condotte da Birao a Tiringoulou dove, secondo testimonianze da verificare, sarebbero state imbarcate su un aereo proveniente dal Sudan.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: