le notizie che fanno testo, dal 2010

Nicole ritrovata grazie a Facebook, con Fatima già a casa

Nicole D. e Fatima D. ritrovate e riportate a Vercelli dai loro genitori. Si erano allontanate da casa volontariamente. A mettere la polizia sulla pista giusta Facebook: le due avevano spento il cellulare ma non hanno resistito al social network in Blu.

Quella di Nicole D., insieme all'amica Fatima D., è stata solo una cosiddetta fuga adolescenziale che però ha fatto preoccupare, oltre le loro famiglie, anche mezza Italia, vista anche la scomparsa di Yara Gambirasio.
E invece Nicole e Fatima sembra che avessero solo voglia di un po' di movida, nonostante i loro 15 anni. Le due ragazzine erano scappate da Vercelli sabato scorso, spegnendo il cellulare per far perdere le loro tracce. Forse tale finezza l'hanno acquisita leggendo le cronache di questi giorni ma molto più probabilmente vedendo uno dei tanti innumerevoli telefilm che tentano di spiegare (anche molto platealmente) come la polizia scientifica riesce a rintracciare ogni fuggitivo partendo da un frammento di telefonata. Le due ragazze, però, non devono essere state molto attente nella parte che invece di solito spiega come anche le "linee internet" vengono sorvegliate.
Nicole e Fatima, infatti, si sono collegate al loro profilo di Facebook da un computer di Leno, in provincia di Brescia. Probabilmente per vedere cosa avessero scritto i loro amici, preoccupati, sulla bacheca del social network.
E come CSI e NCIS insegnano, anche la nostrana e meno altisonante polizia postale è riuscita a ritracciare il luogo dal quale era avvenuta la connessione, e cioè la casa di un ragazzo albanese di 18 anni che ha riferito, come anche i suoi amici, di aver conosciuto le due ragazzine in un locale e di averle ospitate.
Da Brescia poi Nicole e Fatima hanno preso un treno per Milano, riconosciute e segnalate anche da un viaggiatore, ma una volta giunte nel capoluogo lombardo le due ragazzine hanno cominciato a sentire nostalgia di casa. Hanno così riacceso il telefonino e chiamato i genitori, per dire che avrebbero ripreso un treno per tornare a Vercelli. La Polfer le ha così fermate alla stazione e riaccompagnate a casa.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: