le notizie che fanno testo, dal 2010

Primarie PD: "che vinca un vocabolario". Oppure Vendola

A concorrere per le primarie del centrosinitra c'è anche Nichi Vendola che dal MAV di Ercolano spiega la sua proposta alternativa e "il senso di questa battaglia", cioè far "vincere un vocabolario".

Se l'Adesso di Matteo Renzi era già abbastanza banale, lo slogan che Nichi Vendola lancia per competere alle primarie del centrosinistra è addirittura ancor più insipido. Dal MAV di Ercolano, mentre l'Assemblea Nazionale del PD discuteva le regole delle primarie, il governatore della Puglia esordisce infatti con un "Oppure Vendola" che dovrebbe essere inteso come la giusta alternativa allo sfacelo in cui versa l'Italia. Un messaggio liofilizzato che non ci si sarebbe aspettati da un affabulatore come Nichi Vendola, che disorienta tanto quanto le parole pronunciate in occasione della sua discesa in campo alle primarie, quando spiega "il senso di questa battaglia". Quando Nichi Vendola afferma infatti di volere "che vinca un vocabolario" non si comprende bene se è lo stesso politico che quasi due anni fa parlava di un "Berlusconi contro Montesquieu , di un Berlusconi contro l'architettura di una democrazia che è fatta di equilibrio tra poteri di pesi e contrappesi" oppure se è diventato la parodia di quel politico stilizzato nella sua campagna "Oppure Vendola". Dal MAV Nichi Vendola continua precisando di volere che "le parole di questo vocabolario non puzzino, non siano mafiose, non siano false, non portino le maschere. Vorremmo che fossero parole vere", ma anche, potrebbe aggiungere qualcuno, che avessero un significato.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: