le notizie che fanno testo, dal 2010

Nucleare, Vendola: "ferita a morte la leggenda della sua sicurezza"

Il nucleare dopo 25 anni dal disastro di Chernobyl continua a terrorizzare le masse e a minacciare il mondo. Nichi Vendola chiede che il governo dica "basta" prima del referendum. "Per senso del decoro e per il principio della realtà".

Nichi Vendola prende una posizione chiara sugli incidenti nucleari di Fukushima che terrorizzano il Giappone e il mondo. "Quello che sta accadendo di apocalittico, di catastrofico in Giappone in queste ore, è qualcosa che turba la coscienza del mondo, che addolora tutti noi e che ci fa sentire una grande inquietudine" dice il leader di Sinistra Ecologia e Libertà. Nichi Vendola ricorda al governo italiano che "per senso del decoro e per il principio della realtà, ritiri immediatamente la propria opzione nuclearista e torni a discutere con le regioni, ma anche con il mondo accademico, con l'intelletualità e con l'ambientalismo, di quale modello di politica energetica dobbiamo adottare".
Ovviamente il governo non ha nessuna intenzione di abbandonare la sua linea "nuclearista", e Fabrizio Cicchitto, capogruppo alla Camera del Pdl, subito dopo aver saputo dell'allarme nucleare in Giappone ha dichiarato ai cronisti che la strategia del governo sul nucleare "rimane quella che è, non è che si può cambiare idea ogni minuto". Parole che hanno fatto certamente venire i brividi a milioni di persone che ricordano bene che l'Italia è un paese a fortissimo rischio sismico e idrogeologico.
Così Nichi Vendola rimarca un fatto che fa "impazzire" i propagandisti del nucleare, cioè che con Fukushima sia "finita la festa" come fu con Chernobyl. Scrive Vendola: "Il nucleare oggi vede ferito a morte un ingrediente fondamentale della sua narrazione, la leggenda della sua sicurezza".
Ed è proprio l'incidente nucleare di Fukushima in Giappone a mettere una grande ipoteca sul futuro delle energia nucleare a livello mondiale. Lo spiega bene Vendola sul suo post: "Quel fumo radioattivo è un'ipoteca drammatica non solo per quei territori del Giappone, ma anche per tutta la specie umana sul pianeta. Chiedo con forza che il governo e il parlamento blocchino l'opzione nuclearista nel nostro Paese. Credo che il referendum che si svolgerà anche sul nucleare dovrebbe essere svuotato di significato. Spero cioè che prima di arrivare al referendum il governo possa dire basta, ci abbiamo provato ma l'opzione nucleare è stata falsificata dalle vicende della storia del mondo."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: