le notizie che fanno testo, dal 2010

Nichi Vendola: rinvio a giudizio. Su Facebook: tiro sospiro sollievo

Alla notizia di essere stato rinviato a giudizio per concorso in abuso di ufficio in merito alle accuse lanciate da Lady Asl, Lea Cosentino, Nichi Vendola "tira un sospiro di sollievo" perché, scrive su Facebook, potrà spiegare al giudice "la correttezza dei miei comportamenti".

La procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio per Nichi Vendola, presidente della Puglia, e per l'ex direttore generale della Asl di Bari, Lea Cosentino, soprannominata dai media Lady Als. Sia per Nichi Vendola che per la Cosentino l'accusa è di concorso in abuso di ufficio, poiché i pm ipotizzano che il leader di Sel abbia fatto riaprire a Lady Asl i termini per la presentazione delle domande per il concorso da primario di chirurgia toracica all'ospedale San Paolo di Bari, per "consentire al dottor Sardelli di parteciparvi". Su Facebook Nichi Vendola si limita a sottolineare che "con la fissazione dell'udienza preliminare per la vicenda Sardelli, per cui sono indagato per concorso in abuso d'ufficio, posso solo dire che finalmente tiro un sospiro di sollievo essendomi così data possibilità di spiegare, dinanzi al giudice, la correttezza dei miei comportamenti".

Aggiornamento: Nichi Vendola, il 31 ottobre, è stato assolto con formula piena dal Tribunale di Bari in merito all'accusa di concorso in abuso d'ufficio sull'ex dg dell'Asl Bari, Lea Cosentino.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# Bari# concorso# Facebook# Lea# Nichi Vendola# Puglia# San Paolo# Sel