le notizie che fanno testo, dal 2010

Natale 2010: a New York e Mosca si mangia made in Italy

Il Made in Italy brinda alle esportazioni che volano del 10 per cento con un ottimo spumante italiano che guida la classifica degli alimenti più apprezzati all'estero. Seguono vini, spumanti, grappa e liquori, panettoni, formaggi, salumi e pasta.

Buone notizie per l'export delle specialità alimentari italiane all'estero che, secondo Coldiretti, a dispetto della crisi mondiale cresce di addirittura del 10 per cento.
Il Made in Italy per il Natale 2010 significa 2,2 miliardi di euro "sulle tavole delle festività di tutto il mondo con l'export di vini, spumanti, grappa e liquori, panettoni, formaggi, salumi e pasta". Cresce infatti secondo Coldiretti "la domanda di prodotti tipici nazionali da regalare a se stessi a agli altri" nonostante la crisi.
Ma quale è la specialità italiana che trionferà nel Natale 2010? Certamente "a guidare la classifica di questo Natale è senza dubbio lo spumante italiano che all'estero fa segnare un aumento record del 21 per cento nelle spedizioni".
E tra i "nuovi clienti" scrive sempre Coldiretti "si fa luce la Russia che si classifica al quarto posto con un aumento record del 200 per cento e il Giappone che rimane però sostanzialmente stabile" "Complessivamente si stima che saranno circa 150 milioni le bottiglie di spumante Made in Italy consumate all'estero nel 2010" sottolinea l'organizzazione "su una produzione complessiva di circa 340 milioni". Il Made in Italy ritorna quindi a fare bollicine e non più gazzosa.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: